VIDEO
Cerca video
Installa app Contatti

Risultati per il tag: cultura

2.765 risultati
Filtra categoria
Tutte Notizie News Viaggi Curiosità Mode Fatti Consigli Intrattenimento Cucina Motori Buono a sapersi Tecnologia Spettacoli e vip Emozioni
Qualsiasi Questa settimana Questo mese Quest'anno
Più rilevanti Data Più visti
NOTIZIE 05 AGOSTO 2021

Un quadro a Venezia: trovare Frank Stella da Peggy Guggenheim

Venezia, 5 ago. (askanews) - Venezia è una città fatta di percorsi individuali che si stratificano, diventando poi una trama infinita di spazio e suggestioni. Uno di questi percorsi, tra le migliaia, porta alla Collezione Peggy Guggenheim, a Dorsoduro, e, all'interno del museo che ospita una quantità impressionante di capolavori, si spinge un po' oltre, in un corridoio quasi ai margini della narrazione, per trovare il proprio punto d'arrivo: il dipinto "Miscuglio di grigio" di Frank Stella. Quello che ci piace chiamare il più bel quadro moderno della città lagunare. Realizzato dal pittore americano tra il 1968 e il 1969, si inserisce nella reazione minimalista al gesto dell'espressionismo astratto. La tela, un quadrato di 175,3 cm di lato, ospita altri undici quadrati concentrici, che creano sezioni la cui larghezza corrisponde esattamente alla larghezza del pennello di Stella. Nessuna interpretazione, nessun gesto, solo pittura. "Quello che vedi è quello che c'è", dice l'artista. Niente di più. Viene in mente Samuel Beckett e il suo non esserci nulla da esprimere e comunque nessuno strumento per esprimerlo. Restano la negazione e le parole. E come Ad Reinhardt con i black painting, così Stella, con le sue strisce di colore, nega le sovrastrutture dei linguaggi artistici. E le parole dello scrittore irlandese, ridotte all'osso, diventano pittura pura, pittura al grado zero, quello originale. Così il percorso prende senso; sembra offrire una possibile risposta alla domanda dell'ultimo Beckett: qual è la parola. In questo caso la parola sono le bande di colore di Frank Stella, che con un preciso ordine cromatico ci offrono la realtà di ciò che possiamo vedere, esattamente per quella che è. Pittura (come anche Francis Bacon amava intitolare i suoi dipinti). E intanto la collezione Guggenheim, e poi tutta Venezia, continuano fuori a costruire i loro misteri e le infinite possibili traiettorie di scoperta e rivelazione. (Leonardo Merlini)

14 visualizzazioni 0
  1. 1
  2. 2
  3. 3
  4. 4
  5. 5
  6. 6
  7. 7
Chiudi
Caricamento contenuti...