Virgilio Video VIDEO Search
HOME arrowDx TAG arrowDx GIARDINAGGIO

Risultati per il tag: giardinaggio

5 risultati
VIRGILIO CONSIGLI 21 SETTEMBRE 2020 1.978 visualizzazioni

Come curare le piante grasse

Se non avete il pollice verde le piante grasse fanno al caso vostro! Non hanno, infatti, un continuo bisogno d’acqua e di attenzioni. Ciononostante, per rimanere verdi e sane necessitano di cure specifiche. Scopriamole insieme.

 

 

Generalmente, le grasse (o succulente) vanno bagnate solo nei mesi più caldi; entro fine ottobre la maggior parte di loro dovrà ricevere l’ultima irrigazione, fatta eccezione per le Lithops e per quelle in piena fioritura tra novembre e dicembre.
In linea di massima, durante il freddo niente acqua: vista la loro capacità di assorbire i liquidi, un qualsiasi ulteriore apporto d’acqua potrebbe provocare ristagni e marciumi.
Un consiglio: con l’ultima irrigazione aggiungete un po’ di solfato di potassio, utile per irrobustire i tessuti ed aumentare la resistenza alle basse temperature.

 

 

Prestate attenzione, poi, all’acqua dell’irrigazione: non deve essere calcarea! Le piante grasse sono acidofile, la comune acqua del rubinetto potrebbe danneggiarle!Per quanto riguarda la collocazione, posizionatele a sud della casa, su davanzali di finestre in piena luce e al riparo dall’umidità. L’habitat naturale di queste piante, come detto, è caratterizzato da inverni spesso molto freddi e secchi, durante i quali entrano in uno stato di riposo vegetativo.
Ma non tutte le succulente sono così resistenti: quelle originarie della fascia tropicale non sopportano temperature inferiori ai 13 °C, durante i mesi freddi vanno tenute in casa ma in posti luminosi al riparo dai raggi solari diretti. Insomma, curarle può essere decisamente più impegnativo!

 

 

Non in ultimo, tenete presente che per apportare loro acqua vi occorrerà un nebulizzatore, da utilizzare ogni 4 giorni. Altra cura necessaria alla coltivazione delle succulente è il rinvaso, il primo da eseguire appena dopo l’acquisto.  Per farlo, assicuratevi di usare un terriccio specifico; in alternativa, aggiungete nel vaso materiali drenanti, come ad esempio sabbia, sassi grossi di pozzolana, ghiaia o argilla espansa.

Tutti i video

Caricamento contenuti...