Virgilio Video VIDEO Search
HOME arrowDx CURIOSITÀ

A cosa servono i numeri sui contenitori di plastica?

Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!
11 NOVEMBRE 2019 1.718 visualizzazioni

Su ogni contenitore di plastica è stampato un numero ed è apposta una sigla e controllarli è fondamentale!

 

La plastica è costituita da lunghe catene di atomi di carbonio, ai quali sono legati altri elementi. Sono proprio questi a determinare tipologia del materiale e caratteristiche macroscopiche.

Diventano quindi fondamentali i numeri e le sigle stampati sul fondo dei contenitori, utili anche nei centri di raccolta per smistare le diverse tipologie di plastica e procedere alla fase di riciclo.

 

Ecco la lista dei numeri e delle plastiche corrispondenti.

  • PET: è la plastica leggera e flessibile impiegata nella maggior parte dei contenitori usa e getta.  Bottigliette con tale sigla identificativa non dovrebbero essere utilizzate più di una volta!

 

  • HDPE: identifica una plastica le cui molecole hanno una densità molto elevata. Gli esperti raccomandano di acquistare bottiglie d’acqua marchiate così: sono le più sicure!

 

  • PVC: di questo materiale sono fatti tutti gli imballaggi alimentari e i giocattoli per bambini e per animali. È sconsigliato però l’acquisto di prodotti con tale plastica, responsabile del rilascio di pericolose sostanze chimiche.

 

 

  • LDPE: non è possibile confezionare prodotti alimentari con questo tipo di plastica a causa del rilascio di composti pericolosi.

 

  • PP: viene impiegato per il confezionamento di cibi delicati come i latticini. I vasetti di yogurt sono costituiti da questa plastica resistente e leggera. È un’efficace barriera contro l’umidità.

 

  • PS: è il polistirolo, materiale che costituisce quei pannelli bianchi e leggeri che, posti nelle scatole, proteggono, ad esempio, gli elettrodomestici dagli urti. Sono fatti di polistirene anche i comuni piatti e bicchieri di plastica. Non li si dovrebbe sottoporre a fonti di calore in quanto potrebbero rilasciare sostanze cancerogene.

 

Sono marchiate con il numero 7, infine, le plastiche alternative di origine non fossile.

 

Trend

guardali tutti

Consigli

guardali tutti

Video più condivisi

  • OGGI
  • SETTIMANA
  • MESE
guardali tutti

Alcuni video presenti in questa sezione sono stati presi da internet, quindi valutati di pubblico dominio. Se i soggetti presenti in questi video o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, basterà fare richiesta di rimozione inviando una mail a: team_verticali@italiaonline.it. Provvederemo alla cancellazione del video nel minor tempo possibile.

Caricamento contenuti...