Virgilio Video VIDEO Search
HOME arrowDx NOTIZIE

A Forlì un viaggio nell'arte alla scoperta di Ulisse

Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!
15 FEBBRAIO 2020

Forlì, 14 feb. (askanews) - Letteralmente un vero e proprio viaggio nell'arte. Il viaggio di Ulisse. Un mito che attraversa la cultura occidentale, e che è il protagonista assoluto della nuova ambiziosa mostra proposta dai Musei San Domenico di Forlì. Un evento che è riuscito nel miracolo di far collaborare alcuni dei più prestigiosi musei e istituzioni culturali d'Europa.

Gianfranco Brunelli, direttore dei Musei San Domenico di Forlì. "Ognuno di noi è Ulisse. E certamente fare una mostra come questa, che è un viaggio eccezionale, fantastico, attraverso 250 capolavori, è cercare di ritrovare le proprie radici attraverso lo specchio dell'arte. L'arte ha raccontato il mito, lo ha illustrato, lo ha trasformato e in qualche modo riscritto. Qui sono presenti i capolavori che partono dal settimo secolo avanti Cristo e arrivano alla nostra contemporaneità, alla film art di Bill Viola a Paladino, Leoncillo e artisti che rappresentano il nostro oggi".

Per la mostra "Ulisse. L'arte e il mito" si sono messe in viaggio per la prima volta opere iconiche, come l'Ulisse in marmo di Sperlonga, l'Afrodite Callipigia dell'Archeologico di Napoli, e ancora il Concilio degli dei di Rubens, la Penelope del Beccafumi e le Muse di De Chirico. Ma fra tutti spicca il primo viaggio della nave greca arcaica, esposta per la prima volta dopo il suo rinvenimento nei fondali marini di Gela.

"Ogni tempo ha interpretato Ulisse come uomo del proprio tempo e il viaggio della letteratura e dell'arte hanno riscritto davvero questo mito. L'arte rappresentando se stessa ha rappresentato Ulisse e rappresentando Ulisse ha cercato la propria forma. Quindi non è una semplice antologica o un racconto lungo tra opere d'arte di diverse stagioni: è un racconto di come l'arte ha affrontato lo stesso soggetto e questa è una variante importante dal punto di vista formale".

La mostra, curata dalla Fondazione Cassa dei Risparmi di Forlì, resterà aperta al pubblico fino al 21 giugno 2020.

Trend

guardali tutti

Curiosità

guardali tutti

Video più condivisi

  • OGGI
  • SETTIMANA
  • MESE
guardali tutti

Alcuni video presenti in questa sezione sono stati presi da internet, quindi valutati di pubblico dominio. Se i soggetti presenti in questi video o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, basterà fare richiesta di rimozione inviando una mail a: team_verticali@italiaonline.it. Provvederemo alla cancellazione del video nel minor tempo possibile.

Caricamento contenuti...