VIDEO
Cerca video
Installa app Contatti
CURIOSITÀ 19 GENNAIO 2023

Abbiamo raggiunto un triste e pericoloso record

La NASA e la NOAA, due importanti agenzie di ricerca sulla scienza dell’atmosfera negli Stati Uniti, hanno alcune notizie sul clima apparentemente buone: le loro analisi gemelle annuali delle temperature globali hanno rivelato oggi che il 2022, come il 2021, non è stato un record di tutti i tempi. La NASA afferma di aver pareggiato con il 2015 come il quinto anno più caldo mai registrato, e la NOAA afferma che è stato il sesto. La differenza tra le due agenzie è dovuta all’uso di metodologie leggermente diverse e la variazione è solo di un centesimo di grado Celsius. Tuttavia, la Terra resta su una traiettoria pericolosa perché gli ultimi nove anni sono stati i nove più caldi dall’inizio delle misurazioni.

Cosa ci dicono gli esperti sulle temperature in aumento: il triste record

Secondo Gavin Schmidt, direttore del Goddard Institute for Space Studies della NASA, le ondate di caldo e le inondazioni sono state alimentate dal riscaldamento globale. Nel 2022 a tenere le temperature leggermente inferiori è stata La Nina, un specie di enorme condizionatore d’aria oceanico che si forma quando i venti si rafforzano e spingono una fascia di acqua dell’Oceano Pacifico verso l’Asia. Ma i lievi e temporanei effetti di raffreddamento di La Niña non sono sufficienti per contrastare l’aumento generale delle temperature globali. “Le tendenze a lungo termine della temperatura sono reali, sono serie e non scompariranno presto”, afferma Schmidt.

(Guarda anche: Registrati più di 500 avvistamenti UFO)

Perché le temperature sempre più alte sono un pericolo

L’aumento delle temperature è un grave pericolo per l’umanità. Nel 2022 le ondate di caldo estive in Europa hanno provocato incendi che hanno bruciato la vegetazione di molti Paesi, come Inghilterra, Francia e Spagna. La siccità ha punito l’Europa, gli Stati Uniti occidentali e la Cina, mettendo in pericolo l’approvvigionamento alimentare per carenza di cereali e verdure e facendo aumentare i prezzi di beni di lusso come il vino. L’Artico si sta riscaldando quattro volte e mezzo più velocemente della media globale e anche l’Antartico sta subendo le conseguenze delle temperature più alte. Il caldo fa aumentare l’umidità che porta a devastanti inondazioni. Lo scioglimento dei ghiacci e il surriscaldamento degli oceani porta a un aumento del livello dei mari e a effetti negativi per la flora e la fauna marina. Berkeley Earth prevede che entro il 2034 raggiungeremo 1,5 gradi Celsius di riscaldamento e 2 gradi entro il 2060. Se l’umanità non apporta rapidi cambiamenti per ridurre le emissioni, la Terra sarà a rischio di caldo estremo, inondazioni e altre devastazioni causate dal cambiamento climatico.

2.886 visualizzazioni 0
Chiudi
Caricamento contenuti...