ASKANEWS NEWS PUBBLICATO il

Allarme di MSF: in Yemen madri e bambini muoiono senza cure

Roma, 24 apr. (askanews) - Molte donne con complicanze durante il parto e genitori di bambini malati in Yemen non possono raggiungere in modo sicuro e tempestivo le cure di cui hanno bisogno, spesso con conseguenze letali. È la drammatica situazione fotografata nel nuovo rapporto di Medici Senza Frontiere (MSF) nel Paese, devastato da quattro anni di guerra.

Il rapporto MSF "Parti complicati, madri e bambini yemeniti muoiono senza cure" delinea l'impatto della guerra su donne incinte, neomamme e bambini sotto i quindici anni - tra le fasce di popolazione più trascurate e vulnerabili in Yemen - secondo quanto osservato dalle équipe mediche di MSF nei governatorati di Taiz e Hajjah. Tra il 2016 e il 2018, 36 donne e 1.529 bambini, di cui 1.018 neonati, sono morti nell'ospedale di MSF a Taiz Houban, nel governatorato di Taiz, e nell'ospedale di Abs, supportato da MSF, nel governatorato di Hajjah.

A Taiz Houban, quasi un terzo dei bambini e neonati erano già deceduti all arrivo in ospedale. Molti neonati arrivati nelle strutture erano sottopeso alla nascita o erano nati prematuri a casa o in piccole cliniche private. Le cause più comuni dei decessi, sono la nascita prematura, l'asfissia e la sepsi neonatale. L'alto numero di decessi di bambini e neonati è in gran parte legato a fattori causati direttamente dal conflitto: la scarsità di strutture sanitarie funzionanti, le difficoltà delle persone nel raggiungerle e l impossibilità di soluzioni alternative.

Il dottor Roberto Scaini, dall ospedale di Haydan, nel Nord del Paese, racconta le difficili condizioni mediche in cui si trova ad operare: "E' difficile raggiungere tutte le località per vaccinare la popolazione quindi vediamo bambini con morbillo, difterite, pertosse, che arrivano qui molto tardi perché devono fare una lunga distanza per raggiugere l'ospedale e in condizioni critiche per delle semplici patologie che con delle semplici vaccinazioni sarebbero evitabili. E anche questi sono gli effetti della guerra". "Tra le poche parole che ho imparato lavorando qui - aggiunge - c'è 'alyawm albayt' che vuol dire: oggi vai a casa, il tuo bambino è guarito, la vita continua".

TAG:

video trend

  1. CURIOSITÀ
    Attenzione a queste monete da 2 euro: possono valere mille volte tanto

    Attenzione a queste monete da 2 euro: possono valere mille volte tanto

    01:13
  2. VIP
    Michelle Hunziker: nuova stagione televisiva? Nuovo taglio di capelli

    Michelle Hunziker: nuova stagione televisiva? Nuovo taglio di capelli

    00:58
  3. NEWS
    Colpito network di pirateria pay tv. 700mila utenti oscurati

    Colpito network di pirateria pay tv. 700mila utenti oscurati

    01:20
  4. NEWS
    Macron da Conte a Roma: piena convergenza su migranti, Libia e Ue

    Macron da Conte a Roma: piena convergenza su migranti, Libia e Ue

    02:46
  5. VIRALI
    Tigre esce dalla gabbia: panico al circo

    Tigre esce dalla gabbia: panico al circo

    00:30
  6. CURIOSITÀ
    La zebra a pois esiste davvero!

    La zebra a pois esiste davvero!

    00:32
  7. NEWS
    Crozza diventa Jovanotti: portiamo il funky su barriera corallina

    Crozza diventa Jovanotti: portiamo il funky su barriera corallina

    01:00
  8. VIP
    Ilaria, da Temptation Island  alle sfilate di moda

    Ilaria, da Temptation Island alle sfilate di moda

    01:13
  9. NEWS
    L'occhio dell'uragano Dorian è arrivato in North Carolina

    L'occhio dell'uragano Dorian è arrivato in North Carolina

    01:16
  10. NEWS
    Show al Circo Massimo: in 45mila per i 10 anni dei Thegiornalisti

    Show al Circo Massimo: in 45mila per i 10 anni dei Thegiornalisti

    01:42
VEDI TUTTI

News

Emozioni

#vitebestiali

Video più condivisi

OGGI SETTIMANA MESE TUTTI I VIDEO

Alcuni video presenti in questa sezione sono stati presi da internet, quindi valutati di pubblico dominio. Se i soggetti presenti in questi video o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, basterà fare richiesta di rimozione inviando una mail a: team_verticali@italiaonline.it. Provvederemo alla cancellazione del video nel minor tempo possibile.

seguici su
VIDEO