VIDEO
Cerca video
Installa app Contatti
BUONO A SAPERSI 31 DICEMBRE 2022

Attenzione: questa carne aumenta il rischio di cancro

Fin dall’inizio dei tempi la carne ha sempre fatto parte della dieta dell’uomo. Col passare dei secoli, poi, la conservazione di questo alimento si è perfezionata. Oggi, nei supermercati troviamo prodotti trasformati, pronti per essere mangiati che hanno una lunga conservazione. Ciò è stato possibile grazie a dei conservanti. Una ricerca inglese, però, ha dimostrato che un conservante in particolare potrebbe aumentare il rischio di sviluppare il cancro.

 

La sostanza – usata nella carne – vietata in Regno Unito

La sostanza in questione è il nitrito, ossia un composto chimico che viene aggiunto ai salumi e alla carne, che svolge funzione di conservante e colorante: il tipico colore rosato, infatti, è dato proprio da questa sostanza. Una ricerca condotta dalla Queen’s University di Belfast ha dimostrato su delle cavie gli effetti di una dieta a base di alimenti con nitriti. Dai dati è emerso che il 75% dei topi alimentati con carne lavorata ha sviluppato il cancro rispetto ai topi nutriti con carne senza nitriti. Il responsabile delle ricerca, il professor Chris Elliott, ha lanciato un appello al governo inglese per convincerli a cambiare rotta sull’uso dei nitriti negli alimenti.

La teoria è stata accolta da un deputato conservatore del parlamento inglese, che ha proposto il divieto del conservante in tutte le carni del Regno Unito. A tal proposito, anche l’Autorità europea per la sicurezza alimentare sta pensando di ridurre i quantitativi di nitriti nei prodotti alimentari. Non solo, il Governo francese sta pensando addirittura di eliminarli, dove possibile. Per gli esperti, però, non servirebbe a nulla ridurre il quantitativo dei nitriti nei prodotti per scongiurare il rischio.

Al fine di garantire un gusto e una qualità elevata è fondamentale conoscere come conservare al meglio la carne.

 

Perché troppa carne stagionata con nitrito è pericolosa

Una dieta che prevede un eccessivo consumo di carne lavorata e di salumi comporterebbe un potenziale rischio per la salute. Sembra, infatti, che la carne lavorata aumenti l’insorgenza di tumori alla prostata, all’intestino e alla mammella.

Non solo alimenti, un studio ha individuato dei potenziali rischi alla salute anche negli integratori alimentari. Sembra infatti che alcune sostanze aumenterebbero il rischio di contrarre il cancro.

1.868 visualizzazioni 14
Chiudi
Caricamento contenuti...