VIDEO
Cerca video
Seguici su Installa app Contatti
NOTIZIE 19 DICEMBRE 2019

Brexit, cosa accadrà adesso in Irlanda del Nord?

Belfast, 19 dic. (askanews) - Con la Brexit fissata per il prossimo 31 gennaio, si torna a parlare di tensioni tra unionisti e repubblicani in Irlanda del Nord. Alle elezioni nel Regno Unito lo scorso 12 dicembre, stravinte dal partito conservatore del premier Boris Johnson, in Irlanda del Nord gli unionisti del Dup hanno ceduto terreno ai repubblicani del Sinn Fein, con rispettivamente 8 seggi (meno 1) e 7 (stabili).

Il cosiddetto "backstop" è stato sostituito dal un meccanismo altrettanto criticato per evitare il ritorno di una "frontiera fisica" tra le due Irlande. In sostanza, dopo la fine della transizione, per quattro anni il Nordirlanda resta dal punto di vista legale sottoposto alle normative europee, anche se dal punto di vista formale sarà nello spazio doganale britannico: per permettere questa doppia identità, non ci saranno controlli doganali su terra irlandese, ma nei porti o nel Mare d'Irlanda. Allo scadere dei quattro anni, sarà Belfast a decidere se continuare così o cambiare regime.

"Non credo che il governo conservatore dei Tory curi i migliori interessi dell'Irlanda del nord", dice questa fruttivendola di Belfast.

"Come tanta gente sono stufo di questa roba sulla Brexit. Tre anni e mezzo fa c'è stato un referendum per decidere se lasciare l'Unione europea e tre anni dopo finalmente abbiamo ricevuto la notizia che può finalmente accadere", aggiunge quest'altro commerciante.

Tra le storie più incredibili del paese, il villaggio di Pettigoe, diviso dal confine irlandese, segnato dal fiume, con l'Irlanda del Nord a destra e la Repubblica d'Irlanda a sinistra. Dai colloqui di pace negli anni '90, il passaggio non si è mai interrotto, con l'unico segno di cambiamento rappresentato dalla linea bianca sull'asfalto. Ma le cose non sono sempre andate così. Mervyn Johnston, ex soldato dell'esercito britannico, ricorda "The Troubles", ovvero il conflitto nordirlandese. Oggi fa il meccanico e la sua officina si affaccia proprio sul confine:

"Questa non era l'officina originaria, l'officina originaria era sull'altro lato della strada ed è stata fatta esplodere completamente per due volte".

0
Alcuni video presenti in questa sezione sono stati presi da internet, quindi valutati di pubblico dominio. Se i soggetti presenti in questi video o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, basterà fare richiesta di rimozione inviando una mail a: team_verticali@italiaonline.it. Provvederemo alla cancellazione del video nel minor tempo possibile.
Chiudi
Caricamento contenuti...