VIDEO
Cerca video
Installa app Contatti
NOTIZIE 30 DICEMBRE 2020

Caso Regeni, la procura egiziana: processo immotivato

Roma, 30 dic. (askanews) - "Processo immotivato". La procura egiziana ha annunciato che non ci sono ragioni per avviare un procedimento penale per il sequestro, la tortura e l'omicidio del ricercatore italiano Giulio Regeni, perché "il responsabile è sconosciuto".

E' quanto si legge in una nota della procura egiziana che ha però incaricato gli inquirenti di "proseguire nelle indagini" per identificare i colpevoli.

La procura ha anche respinto le accuse mosse contro quattro funzionari e un poliziotto dell'agenzia di sicurezza nazionale.

Solo il 10 dicembre, dopo 5 anni, la Procura di Roma aveva chiuso le indagini sull'omicidio, chiedendo il processo per quattro appartenenti ai servizi egiziani per i reati di sequestro di persona pluriaggravato, concorso in omicidio aggravato e lesioni personali aggravate.

"Il comunicato della Procura egiziana è un nuovo tentativo di depistaggio sulla morte di Giulio Regeni - si legge sul profilo Twitter dell'Associazione Antigone - la Procura di Roma vada avanti e il governo italiano si costituisca parte civile nel processo contro alcuni membri della Sicurezza nazionale egiziana".

0
Alcuni video presenti in questa sezione sono stati presi da internet, quindi valutati di pubblico dominio. Se i soggetti presenti in questi video o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, basterà fare richiesta di rimozione inviando una mail a: team_verticali@italiaonline.it. Provvederemo alla cancellazione del video nel minor tempo possibile.
Chiudi
Caricamento contenuti...