VIDEO
Cerca video
Installa app Contatti
BUONO A SAPERSI 06 LUGLIO 2022

Cassonetti intelligenti, cosa fanno e dove si trovano

Sono la versione 2.0 dei contenitori per la spazzatura, i cassonetti intelligenti. Vengono monitorati costantemente e si attivano con una carta. Anche in questo caso la tecnologia ci viene in aiuto e semplifica le operazioni di smaltimento dei rifiuti.

Infatti, sono collegati con la centrale di raccolta delle città in cui si trovano e possono essere controllati a distanza. In questo modo si rendono più semplici e immediate le operazioni di conferimento da parte dei cittadini, e di raccolta da parte degli operatori ecologici.

Non si può sbagliare più: in questo modo utenti e addetti ai lavori dovranno dimostrare di essere ligi al dovere. Cittadini più attenti e servizi più puntuali: è questo l’obiettivo che si vuole perseguire. Così da ottimizzare i tempi e le procedure dello smaltimento dei rifiuti. A tal proposito, ecco le dritte per fare correttamente la raccolta differenziata.

Come funzionano

Sono dotati di una serratura elettronica che si sblocca con sistema di identificazione. La smart card, infatti, è personale e associata a una singola utenza Tari. Ovviamente ci sono delle differenziazioni fra plastica, organica, non differenziabile e – alle volte – anche vetro.

Una svolta che potrebbe cambiare la raccolta dei rifiuti, in un momento storico in cui l’attenzione all’ambiente è una priorità. Il cambiamento climatico, infatti, sta creando danni globali, specie ed ecosistemi sono a rischio e soprattutto l’uomo deve fare la propria parte per proteggere il pianeta che lo ospita.

Dove si trovano i cassonetti intelligenti

I cosiddetti cassonetti smart si trovano già in Toscana, Lombardia, Piemonte, Liguria e Lazio. Ci sono a Milano e Torino, in zone della citta dove non arriva il servizio di raccolta porta a porta. Sono arrivati anche a Grosseto. L’idea è di utilizzare questa nuova tecnologia anche nel centro storico. Anche l’AMA, la società municipalizzata di Roma, si è adeguata al nuovo sistema di cassonetti intelligenti con green card personale. I cittadini devono rispettare le regole e conferire nell’apposito cassonetto la tipologia di rifiuto corrispondente.

Di norma, gli scarti alimentari e organici vanno nel contenitore marrone, il vetro nel verde e gli imballaggi di plastica e metallo nel giallo, ma ogni città ha le proprie regole. In questo modo si possono superare alcuni limiti territoriali e logistici. Inoltre si responsabilizzano gli utenti e gli operatori ecologici. Da entrambe le parti, infatti, ci deve essere un approccio impeccabile. Il pianeta ringrazia.

31.824 visualizzazioni 90
Chiudi
Caricamento contenuti...