VIDEO
Cerca video
Installa app Contatti
CURIOSITÀ 05 DICEMBRE 2022

C’è un metodo per scoprire se gli asciugamani in hotel sono stati disinfettati

La scelta dell’hotel perfetto sta alla base di ogni vacanza. Tra mille inserzioni e suggerimenti cerchiamo di filtrare sempre quelli che garantiscono massima pulizia, servizi e comfort. A volte però capita di incappare in una struttura “poco attenta” alla pulizia degli ambienti. Per questo è bene sapere qualche piccolo trucco per “ispezionare” la camera e far subito presente il disagio in reception. Ecco qualche consiglio per non farti trovare impreparato.

 

Il metodo per scoprire se la stanza in Hotel è stata disinfettata

Non sempre le foto rispecchiano la realtà e a volte neanche i nostri standard di igiene. Per questo appena entrati nella camera d’hotel è sempre bene controllare alcuni elementi e in caso fare richiesta di sostituzione. Prima di iniziare a disfare le valige è fondamentale iniziare l’ispezione dal letto (in particolare il copriletto e le lenzuola). Come è noto oramai, spesso, il copriletto non viene lavato a ogni cambio d’ospite. Le lenzuola al contrario devono essere necessariamente sostituite. Il letto, infatti, è tra gli elementi d’arredo che ospitano più germi e batteri (e a volte animali), dunque, è bene controllare la presenza di eventuali, macchie “strane” e cimici da letto. Un altro ambiente, che dovrebbe essere il tempio del pulito è il bagno. Ebbene, non basta controllare solo la pulizia degli asciugamani, ma anche la presenza di infiltrazioni, muffe e funghi, spesso veicolo di batteri e virus. L’arredamento in generale, poi, non dovrebbe essere solo spolverato, bensì disinfettato. Solo così è possibile eliminare il 100% dei batteri. L’indicatore più importante, però, resta uno: l’odore. Già dalla prova olfatto è possibile capire se c’è qualcosa che non va.

In casa, invece, prova a usare il bicarbonato per togliere gli odori e allo stesso tempo per profumarla.

 

Cos’è il metodo Sanity O-Zone

Un metodo per sopperire a tutte queste mancanze, però, c’è e si chiama Sanity O-Zone (una certificazione che attesta la disinfezione degli ambienti). Questo particolare tipo di pulizia sfrutta le doti dell’ozono per andare a sanificare tutte le superficie delle stanza d’albergo. Spruzzato dopo la normale pulizia della stanza, il trattamento va a eliminare cattivi odori,  animali infestanti (larve, cimici del letto, zanzare, scarafaggi ecc.) virus e batteri. Il metodo nonostante comporti l’uso dell’ozono è completamente ecologico e non tossico per l’uomo. Inoltre, questo tipo di sanificazione non va a rovinare in nessun modo gli arredi e suppellettili della stanza.

Dunque, per sapere se tutti gli ambienti (oltre a biancheria da bagno e da letto, mobili e suppellettili) sono stati disinfettati, cerca il cartello con la certificazione Sanity O-Zone sul sito o nella hall dell’hotel.

11.347 visualizzazioni 35
Chiudi
Caricamento contenuti...