Virgilio Video VIDEO Search
HOME arrowDx NEWS

Chambord, sulla Loira la folle sfida di Francesco I

Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!
22 DICEMBRE 2016

Chambord, (askanews) - E' il piu' grande dei castelli della valle della Loira, forse e' il piu' celebre ma anche il meno abitato nei secoli.

Chambord, gigantesca sfida architettonica del re Francesco I, fu costruito a partire dal 1519 come un monumento alla sua persona.

Un maschio centrale, quattro torrioni, due ali simmetriche.

Emeline Dedieu e' guida al castello: 'Questa e' una zona di paludi, e il re costruira' il piu' grande castello mai costruito all'epoca, dove nessuno aveva osato vivere.

1:49-2:02 Certamente e' un capolavoro d'architettura ma e' impossibile da riscaldare in inverno e all'epoca, infestato dalle zanzare in estate'.

E' nato come il ritratto in pietra del monarca, capolavoro anche di propaganda.

Tanto che al terzo piano il soffitto e' coperto da duecento stemmi con la F di Francesco e la salamandra, il suo simbolo.

In questo progetto ciclopico, il sovrano inseri' elementi della nuova moda architettonica che veniva da sud.

Non ci restano documenti ne' dei progetti, ne' degli architetti, ma sappiamo che oltre a Leonardo da Vinci, gia' defunto, erano tanti gli italiani che vivevano alla corte di Francesco.

E a questo risale probabilmente l'uso di pietre bicolori per richiamare i marmi toscani.

'Su una base tradizionale di architettura francese - il bastione, le torri - la caratteristica di Chambord e' la mescolanza armoniosa con elementi dell'architettura italiana: le logge, la geometria, i tetti a terrazza, belli quanto inadatti al clima della regione...' spiega Dedieu.

Un castello inabitabile, con una sorpresa al centro, pensata solo per stupire: 'Al centro del bastione c'e' il primo scalone che in Francia sia posto al centro di un edificio.

E' anche uno scalone aperto, il che permette di rendersi conto che e' doppio: e' composto da due rampe, che si avvitano attorno a un fulcro; si puo' salire e scendere vedendosi ma senza incontrarsi' spiega Dedieu.

Salone albero e fuoco.

Francesco I mori' senza aver visto completata l'opera, e i suoi successori se ne disinteressarono.

Tutti fino a Luigi XIV, che riprese i lavori due secoli dopo; forse, il re Sole capi' l'ansia megalomane di Francesco.

Trend

guardali tutti

Consigli

guardali tutti

Video più condivisi

  • OGGI
  • SETTIMANA
  • MESE
guardali tutti

Alcuni video presenti in questa sezione sono stati presi da internet, quindi valutati di pubblico dominio. Se i soggetti presenti in questi video o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, basterà fare richiesta di rimozione inviando una mail a: team_verticali@italiaonline.it. Provvederemo alla cancellazione del video nel minor tempo possibile.

Caricamento contenuti...