Virgilio Video VIDEO Search
HOME arrowDx NEWS

'Classe Z', studenti di oggi in cerca di qualcuno che li ascolti

Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!
31 MARZO 2017

Roma, (askanews) - Una classe speciale, la sezione H, in cui il preside Alessandro Preziosi ha riunito gli studenti piu' problematici della scuola: troppo esuberanti, svogliati, piu' interessati agli scherzi o al look che ai libri, o poco socievoli.

Casi ritenuti 'disperati' ed 'elementi di disturbo' per gli altri.

Sono i ragazzi di 'Classe Z', il film di Guido Chiesa che racconta una scuola di oggi attraverso un gruppo di giovani di un liceo scientifico nell'anno della maturita'.

Una commedia che dipinge un quadro avvilente, ragazzi soli che non trovano stimoli allo studio, e professori che hanno perso le speranze e preferiscono leggere il giornale in classe.

Un film nato dall'incontro con il portale Scuola Zoo, che da anni si occupa di scuole medie e superiori, registrando anche gli umori degli studenti.

Il regista: 'Abbiamo raccolto una serie di problematiche, tra cui: gli studenti non si sentono valorizzati, ma sottostimati dalla scuola, si annoiano a scuola e sentono che la scuola e' troppo incentrata su voti, verifiche e interrogazioni'.

Una realta' che gli raccontavano anche le sue figlie.

'Credo che debba essere il punto di partenza per ripensare la scuola: ascoltarli, perche' ci stanno dicendo che la scuola, cosi com'e' ora, non per colpa dei professori, non funziona'.

Ragazzi in cerca di qualcuno che li ascolti e provi a capirli, cosi' come fa un solo insegnante: il professor Andreoli, Andrea Pisani.

'Chi aiuta i ragazzi a maturare e' un professore che passa da un metodo a un ascolto, rappresenta la grande maggioranza di quelli che fanno questo lavoro con entusiasmo in mezzo a mille fatiche'.

'Il problema e' che si trovano davanti a un mondo dei giovani totalmente cambiato'.

Gli studenti 'ghettizzati' troveranno la loro strada, aiutando lo stesso professore a capire il metodo da adottare con le nuovi generazioni.

Ma il film non e' una denuncia della scuola di oggi o dei professori: 'Non una denuncia ma un motivo di riflessione, spero che lo vedano non solo i ragazzi, ma adulti, genitori e professori e che riflettono: talvolta le menti piu' brillanti sono quelle che danno piu' problemi'.

'

Trend

guardali tutti

Curiosità

guardali tutti

Video più condivisi

  • OGGI
  • SETTIMANA
  • MESE
guardali tutti

Alcuni video presenti in questa sezione sono stati presi da internet, quindi valutati di pubblico dominio. Se i soggetti presenti in questi video o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, basterà fare richiesta di rimozione inviando una mail a: team_verticali@italiaonline.it. Provvederemo alla cancellazione del video nel minor tempo possibile.

Caricamento contenuti...