VIDEO
Cerca video
Seguici su Installa app Contatti
BUONO A SAPERSI 29 GENNAIO 2020

Come funzionano i prestiti Inps

L’Inps può rilasciare Piccolo Prestito o Prestito Pluriennale. Ecco come funziona l’erogazione.

 

Il primo si divide in:

 

  • Piccolo Prestito Gestione Assistenza Magistrale, concesso a insegnanti e personale scolastico (a tempo indeterminato delle scuole statali primarie e dell’infanzia, in servizio o con due anni di attivo dal collocamento a riposo). Prevede un’erogazione non maggiore di due mensilità con restituzione in 24 mesi.
  • Piccolo Prestito Gestione Fondo Credito Poste Italiane concesso ai dipendenti del Gruppo Poste Italiane dietro cessione del quinto dello stipendio. Vale da una a otto mensilità con restituzione in uno, due, tre o quattro anni.
  • Piccolo Prestito Gestione Fondo Credito Poste Italiane concesso a dipendenti pubblici e pensionati. È a breve termine e dipende dalla disponibilità del fondo.

 

Il secondo può essere richiesto in casi specifici, come quelli di malattia, furto, incendi, calamità naturali, cure odontoiatriche o trasloco. Si suddivide in:

 

  • Prestito Pluriennale diretto Gestione Fondo Credito Poste Italiane, concesso ai dipendenti del Gruppo Poste Italiane che hanno quattro anni di anzianità. Può essere ceduto al massimo un quinto dello stipendio con restituzione in cinque o dieci anni.

 

  • Prestito Pluriennale diretto Gestione Unitaria delle prestazioni creditizie e sociali, concesso ai dipendenti pubblici con servizio utile a pensione e iscrizione di almeno quattro anni al fondo o a pensionati ex dipendenti pubblici iscritti al fondo. È concesso solo per specifiche esigenze personali o familiari, e con restituzione in cinque o dieci anni.

 

  • Prestito Pluriennale garantito Gestione Unitaria delle prestazioni creditizie e sociali, concesso agli iscritti da almeno quattro anni alla Gestione Unitaria delle prestazioni creditizie e sociali da società finanziarie e istituti di credito autorizzati. La restituzione è in cinque o dieci anni.

 

Per i pensionati esiste un prestito che si può richiedere entro il 65° anno di età o, in alcuni casi, entro l’80°, in caso di pensione superiore a 500euro.

Ci sono poi anche i  Prestiti in forma di Anticipazione Vecchio e Nuovo Fondo Mutualità che sono concessi agli iscritti per motivi di salute, per la nascita di un figlio o per un lutto, e che sono erogati in base alle disponibilità finanziarie.

 

Va ricordato che i piccoli prestiti Gestione Pubblica hanno un tasso nominale annuo del 4,25% e un tasso annuo effettivo globale del 5%. Il Prestito Pluriennale Diretto Gestione Pubblica prevede un TAN fisso del 3,50%.

2.427 visualizzazioni 0
Alcuni video presenti in questa sezione sono stati presi da internet, quindi valutati di pubblico dominio. Se i soggetti presenti in questi video o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, basterà fare richiesta di rimozione inviando una mail a: team_verticali@italiaonline.it. Provvederemo alla cancellazione del video nel minor tempo possibile.
Chiudi
Caricamento contenuti...