VIDEO
Cerca video
Installa app Contatti
CURIOSITÀ 14 NOVEMBRE 2021

Come un pinguino ha percorso 3mila km arrivando in Nuova Zelanda

Un pinguino ha compiuto un’impresa incredibile. Ha percorso da solo circa 3mila chilometri e si è ritrovato sulla costa della Nuova Zelanda, molto lontano dal suo habitat naturale. L’esemplare di Adelia, una specie che vive esclusivamente nella penisola antartica, è stato trovato sperso sulla spiaggia di Birdlings Flat, un insediamento a sud della città di Christchurch. È stato affettuosamente ribattezzato Pingu dalla gente del posto e la sua vicenda è finita in un lieto fine, l’animale è infatti stato salvato. Dopo la storia assurda dell’uomo rimasto intrappolato in un muro (il video qui), ecco un’altra avventura che merita di essere raccontata.

Come il pinguino è arrivato in Nuova Zelanda

A trovare il pinguino è stati Harry Singh, un residente locale che stava passeggiando in spiaggia con la moglie. I due, all’inizio, avevano pensato che l’esemplare fosse un peluche, poi l’hanno visto muoversi e hanno capito che era reale. Singh ha detto che il pinguino non si è mosso per un’ora e sembrava esausto. L’uomo ha poi chiamato i soccorritori per evitare che l’esemplare diventasse preda di altri animali della zona.

A salvare Pingu è stato Thomas Stracke, un esperto che si occupa di riabilitare i pinguini nell’Isola del Sud della Nuova Zelanda. L’uomo è rimasto scioccato nel sapere che si trattava di un pinguino di Adelia. Pingu era leggermente sottopeso e disidratato ed è stato subito curato. L’animale verrà infine rilasciato su una spiaggia sicura sulla penisola di Banks. Finora gli unici altri avvistamenti di pinguini di Adelia in Nuova Zelanda sono stati due: uno nel 1993 e uno nel 1962. Questo tipo di casi è estremamente raro, ma gli esperti affermano che se dovessero iniziare a verificarsi più spesso, sarebbe un segnale preoccupante perché significherebbe che qualcosa sta cambiando nell’oceano.

La traversata di Pingu è stata estenuante e difficile e, per fortuna, ora l’animale è in salvo e potrà in seguito tornare nel suo habitat naturale. Intanto si stanno approfondendo gli studi rivolti ad avere una maggiore comprensione di dove vanno i pinguini, cosa fanno, come sono le tendenze della popolazione perché queste informazioni potrebbero aiutare a comprendere qual è lo stato di salute dell’ecosistema marino in generale.

2.727 visualizzazioni 39
Alcuni video presenti in questa sezione sono stati presi da internet, quindi valutati di pubblico dominio. Se i soggetti presenti in questi video o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, basterà fare richiesta di rimozione inviando una mail a: team_verticali@italiaonline.it. Provvederemo alla cancellazione del video nel minor tempo possibile.
Chiudi
Caricamento contenuti...