Virgilio Video VIDEO Search
HOME arrowDx NOTIZIE

Coronavirus e autismo: "Non so quante famiglie reggeranno"

Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!
01 APRILE 2020

Roma, 1 apr. (askanews) - Isolamento domiciliare, difficoltà nell'accedere alle strutture che forniscono supporto, interruzione della didattica abituale e gestione h24 di bambini che hanno bisogno di un'assistenza specifica. La quarantena da coronavirus è complicata ma lo è ancora di più per le famiglie con figli autistici.

Benedetta Demartis presidente dell'ANGSA (Associazione Nazionale Genitori Soggetti Autistici):

"E' un dramma nel dramma, abbiamo a casa persone che per la loro disabilità hanno bisogno di routine e programmi rigidi e in questo momento in cui tutto salta, la routine salta, loro sono spiazzati e non riescono a capire. Con queste nuove abitudini, ognuno reagisce a modo suo, alcuni anche violentemente verso se stessi o i parenti, altri invece accettano di buon grado,

dipende caso per caso ma è difficile".

L'Angsa, oltre al telefono blu nazionale, ha attivato anche a livello regionale collegamenti con psicologi che seguono i ragazzi, con educatori, insegnanti. Ma spesso a cercare conforto e assistenza sono proprio i genitori.

La Dott.ssa Giulia Coppola, psicologa e psicoterapeuta in formazione a indirizzo sistemico relazionale:

"Le problematiche maggiori condivise dai familiari sono state soprattutto il non poter uscire con i figli e il fatto che la routine sistematica dei bambini sia stata scombussolata e loro si ritrovano a non sapere che fare. Io gli ho consigliato varie attività motivanti per i figli in cui gli attori partecipi sono i genitori".

Un'emergenza che ha colto tutti impreparati ma che deve accendere sempre di più un faro sulle categorie da tutelare. "Ci auguriamo che duri pochissimo perché non so quanti reggeranno in questa situazione, ce ne sono alcune drammatiche in casa e nel lungo periodo crolla la famiglia ma questa brutta esperienza ci insegna che dobbiamo preparare dei protocolli per l autismo, che contemplino anche l autismo e quelle disabilità gravi che non rispondono alle necessità della maggioranza della popolazione".

Per il 2 aprile, Giornata Mondiale della Consapevolezza sull Autismo, l'Associazione ha proposto di pubblicare sui social una foto mostrando o indossando un oggetto blu con l hashtag #alprimoposto. Il messaggio è chiaro: "Puntare sulla ricerca e sulla sanità; il Coronavirus ce lo ha insegnato, in modo che ci siano risposte più adeguate per le persone più fragili".

Trend

guardali tutti

Video più condivisi

  • OGGI
  • SETTIMANA
  • MESE
guardali tutti

Alcuni video presenti in questa sezione sono stati presi da internet, quindi valutati di pubblico dominio. Se i soggetti presenti in questi video o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, basterà fare richiesta di rimozione inviando una mail a: team_verticali@italiaonline.it. Provvederemo alla cancellazione del video nel minor tempo possibile.

Caricamento contenuti...