VIDEO
Cerca video
Seguici su Installa app Contatti
NOTIZIE 14 OTTOBRE 2020

Coronavirus, i guariti possono nuovamente infettarsi? Burioni fa chiarezza

La notizia della donna di 89 anni morta dopo una reinfezione da coronavirus ha riaperto la questione: chi è guarito dal Covid-19 può essere di nuovo infettato dal SARS-CoV-2? A questa domanda ha risposto Roberto Burioni. Nel suo articolo, Burioni ha citato un altro caso recente di reinfezione: “È di ieri la descrizione del primo caso certo di reinfezione negli Stati Uniti. Un 25enne del Nevada, senza alcun disturbo del sistema immune, si è reinfettato 28 giorni dopo la prima infezione." Secondo Burioni, l’elemento clinico degno di nota è che “la seconda infezione è stata molto più grave della prima, portando il paziente a un ricovero e alla necessità di ossigenoterapia”. Secondo il virologo, dobbiamo continuare a fare ricerca perché “le reinfezioni asintomatiche potrebbero essere più frequenti (le vedremmo solo durante screening casuali) e, quindi, la protezione clinica data dalla prima infezione potrebbe essere molto più solida di quanto sembra”. La conclusione dell’esperto è una citazione di un editoriale di ‘Lancet’: “I casi di reinfezioni ci dicono che non ci si può affidare all’immunità acquisita tramite l’infezione naturale per ottenere l’immunità di gregge. Questa strategia non solo causerebbe la morte di molte persone, ma neppure funzionerebbe. L’ottenimento dell’immunità di gregge richiede vaccini sicuri ed efficaci e una vaccinazione diffusa della popolazione“.

0
Alcuni video presenti in questa sezione sono stati presi da internet, quindi valutati di pubblico dominio. Se i soggetti presenti in questi video o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, basterà fare richiesta di rimozione inviando una mail a: team_verticali@italiaonline.it. Provvederemo alla cancellazione del video nel minor tempo possibile.
Chiudi
Caricamento contenuti...