VIDEO
Cerca video
Seguici su Installa app Contatti
BUONO A SAPERSI 08 NOVEMBRE 2020

Coronavirus, salto di specie nei visoni: paura per la nuova mutazione anche in Italia

Il Sars-Cov-2 ha compiuto un nuovo salto di specie e si sta diffondendo tra i visoni allevati per le loro pellicce. Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, da giugno 2020 sono almento 214 gli esseri umani che in Danimarca hanno contratto varianti di Covid-19 legate ai visoni di allevamento.In 12 pazienti tra i 7 e i 79 anni è stata identificata una mutazione unica del coronavirus. I primi studi mostrano che i segnali clinici, la gravità e le modalità di trasmissione in questi casi non presentino particolari cambiamenti. Tuttavia la variante da cui sono stati infettati, nota come Cluster 5, avrebbe una combinazione di mutazioni genetiche che l’avrebbero resa più resistente agli anticorpi. Se dovesse iniziare a circolare tra la popolazione, potrebbe vanificare gli sforzi fatti finora per trovare un vaccino. Per questo il governo danese ha deciso di agire e abbattere 17 milioni di visoni. Il rischio che la nuova forma di coronavirus si diffonda anche in Italia, secondo l’Associazione Italiana Pellicceria, è tuttavia molto basso, come riportato in un comunicato. “Le Asl monitorano costantemente gli allevamenti. Nel nostro Paese ci sono state solo due analisi che hanno rilevato carica virale Covid bassa. La prima è stata fatta su un visone trovato deceduto, la seconda sulle feci a terra, sotto una gabbia vicina. L’allevamento in cui sono stati fatti questi due rilevamenti è stato monitorato da agosto a oggi: sui visoni sono stati eseguiti parecchie centinaia di tamponi in tempi successivi e sono sempre e tutti risultati negativi”.

1.456 visualizzazioni 0
Alcuni video presenti in questa sezione sono stati presi da internet, quindi valutati di pubblico dominio. Se i soggetti presenti in questi video o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, basterà fare richiesta di rimozione inviando una mail a: team_verticali@italiaonline.it. Provvederemo alla cancellazione del video nel minor tempo possibile.
Chiudi
Caricamento contenuti...