Virgilio Video VIDEO Search
HOME arrowDx CONSIGLI

Cosa c’è da vedere a Frosolone, il borgo dei coltelli in Molise

Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!
27 AGOSTO 2020 2.850 visualizzazioni

Il Molise è una regione tutta da scoprire, a partire da un piccolo borgo in provincia di Isernia, celebre soprattutto per l’antica produzione artigianale di coltelli e forbici.

 

Frosolone è un paesello abbarbicato a 894 metri sulle montagne molisane, immerso nel verde e abitato da poco meno di 3000 anime. Il suo nome, probabilmente derivato dal termine latino “frensus” che indica luoghi soggetti a frane, è stato spesso usato nel mondo dello spettacolo in divertenti gag, a partire dagli anni ’70: viene citato in pellicole come “Il merlo maschio” di Pasquale Festa Campanile e “Bertoldo, Bertoldino e Cacasenno” di Mario Monicelli, ed è stato ripreso anche da Caterina Guzzanti per un personaggio del programma televisivo del ’97, “la posta del cuore”.

 

Il centro abitato, costruito su un promontorio roccioso, si è sviluppato in epoca medievale e le antiche vestigia, nonostante la zona sia stata più volte nella storia martoriata da devastanti terremoti, sono ancora visibili, soprattutto nelle tre porte ad arco di Sant’Angelo, Santa Maria e San Pietro, che anticamente indicavano l’ingresso in paese, e nel suggestivo Palazzo Baronale: nel medioevo, questo edificio era un castello in uso ai feudatari di Frosolone e, nonostante i diversi rimaneggiamenti, la sua struttura massiccia in pietra è rimasta inalterata. Sono notevoli gli abbellimenti aggiunti nel ‘500, costituiti da quattro arcate e un loggiato.
Molto caratteristiche sono le storiche botteghe dei coltellinai: l’arte della sapiente lavorazione del metallo si può apprezzare nel Museo dei ferri taglienti, istituito dal Comune alla fine del secolo scorso, che conserva centinaia di manufatti e attrezzi per la lavorazione artigianale ed è visitabile su prenotazione con le guide volontarie locali. Dal 1996, inoltre, in paese si tengono ogni estate un’importante mostra-mercato dedicata al settore e una sfilata di carri allegorici.

 

Meritano una visita approfondita anche le chiese: Santa Maria Assunta, dotata di un imponente campanile e impreziosita da pregevoli dipinti, San Michele Arcangelo, risalente al 1200, San Pietro, con annessa una struttura intitolata a Santa Chiara, utilizzata nei secoli anche come prigione e Santa Maria delle Grazie, appena fuori dal centro storico.
Pregevole anche la fontana dell’Immacolata con i suoi lavatoi laterali.

Trend

guardali tutti

Buono a sapersi

guardali tutti

Video più condivisi

  • OGGI
  • SETTIMANA
  • MESE
guardali tutti

Alcuni video presenti in questa sezione sono stati presi da internet, quindi valutati di pubblico dominio. Se i soggetti presenti in questi video o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, basterà fare richiesta di rimozione inviando una mail a: team_verticali@italiaonline.it. Provvederemo alla cancellazione del video nel minor tempo possibile.

Caricamento contenuti...