VIDEO
Cerca video
Installa app Contatti
CONSIGLI 13 DICEMBRE 2018

Cosa fare in caso di attacco epilettico

Se ci troviamo di fronte una persona che improvvisamente viene colta da un attacco epilettico, dobbiamo mantenere la calma e sapere esattamente cosa fare, per evitare che si possa ferire o che resti soffocata durante la crisi.

COME RICONOSCERE UN ATTACCO EPILETTICO I sintomi sono abbastanza facili da riconoscere: la persona cade a terra e il suo corpo viene scosso da convulsioni, che portano a spasmi incontrollati del collo, delle braccia e delle gambe; le pupille risultano dilatate e la respirazione rallenta, il viso diventa pallido o cianotico e la vittima comincia a salivare copiosamente. Il primo soccorso deve essere rapido e efficace.

COSA FARE Per prima cosa, trascinare la persona su una superficie piana, poi metterle qualcosa di morbido sotto la testa per proteggerla dagli urti. Se la bocca è aperta, inserire un pezzo di stoffa, come un fazzoletto, tra i denti; se le mascelle sono serrate, invece, non forzarne l’apertura; in presenza di iper salivazione o vomito, girarla su un fianco.

COSA NON FARE Non tentare mai di aprire la bocca della vittima per somministrarle acqua o medicine e evitare di tenerla ferma, perché in questo modo possiamo romperle le ossa. Mai schiaffeggiarla o gettarle acqua sul viso.

Dopo l’attacco, girare la persona su un fianco, piegarle le gambe, metterle le mani sotto la testa. Chiamare il medico se è la prima volta che succede, se la vittima si ferisce, se la crisi dura più di 3 minuti o se, dopo 10 minuti, la persona non si riprende.

12.906 visualizzazioni 0
Alcuni video presenti in questa sezione sono stati presi da internet, quindi valutati di pubblico dominio. Se i soggetti presenti in questi video o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, basterà fare richiesta di rimozione inviando una mail a: team_verticali@italiaonline.it. Provvederemo alla cancellazione del video nel minor tempo possibile.
Chiudi
Caricamento contenuti...