VIDEO
Cerca video
Installa app Contatti
CONSIGLI 07 LUGLIO 2022

Cosa fare se ti pungi con un riccio di mare

Scoprite con noi cosa fare quando si viene punti da un riccio di mare.

 

Agire tempestivamente

Se vi è capitato lo sapete bene: le punture dei ricci sono alquanto dolorose. Questi organismi marini sono dotati di aculei appuntiti e sottili, che in quanto tali penetrano con facilità estrema nei nostri tessuti.

 

A provocare dolore, arrossamento e gonfiore sono proprio i piccoli aghi. Se poi vanno in profondità possono causare problematiche più serie a tendini e articolazioni e tetano; per questo occorre agire tempestivamente.

 

Rimuovere gli aculei

Se siete vittime di puntura, uscite immediatamente dall’acqua. Sciacquate la zona colpita con acqua dolce e disinfettate. Per alleviare il dolore immergete la parte interessata in acqua e sale tiepida. Applicate qualche goccia d’olio evo.

 

Poi, con un ago sterilizzato sollevate delicatamente gli aghi senza spezzarli, ed estraeteli con delle pinzette per sopracciglia. Dopo averli rimossi, disinfettate nuovamente. Aculei in profondità? Per favorire l’espulsione, applicate aceto di vino bianco o una crema farmaceutica a base di ittiolo.

 

Nei giorni seguenti

Post puntura, evitate di grattarvi e di esporvi al sole e proteggete la parte ferita con una garzetta sterile. Nei casi più seri potrebbero essere necessari pomate cortisoniche e antibiotici; per ogni dubbio, rivolgetevi quanto prima ad un medico.

0
Chiudi
Caricamento contenuti...