VIDEO
Cerca video
Installa app Contatti
SALUTE 28 LUGLIO 2022

Cosa succede al tuo corpo quando fa troppo caldo

Secondo la scienza, la temperatura esterna ideale per noi per vivere bene è di “appena” 22°C; scenario alquanto improbabile in estate, quando la colonnina di mercurio supera anche abbondantemente i 30. Scopriamo insieme quali sono i reali effetti del caldo intenso sul nostro corpo.

 

 

Cosa rischiamo

Temperature alte e tassi di umidità elevati causano aumento della sudorazione e perdita di sali minerali. Inoltre, più i gradi dell’ambiente che viviamo salgono più i nostri vasi sanguigni si dilatano. Le conseguenze sono che la pressione tende a scendere e che il cuore si trova costretto a pompare maggiormente per far arrivare il sangue alle varie estremità del corpo. Gli effetti sono diversi: giramenti di testa e vertigini, emicrania, nausea, crampi e spossatezza. Se poi la pressione dovesse scendere troppo potrebbe esserci serio rischio d’infarto cardiaco.

 

 

Occhio alle medicine

A complicare la situazione possono essere anche i farmaci: infatti, alcuni aumentano i rischi legati al caldo; ad esempio, chi assume diuretici (favorenti l’eliminazione dei liquidi) o medicinali per l’ipertensione dovrebbe prestare attenzione particolare e confrontarsi col medico di fiducia per accertarsi che la terapia sia adeguata; lo stesso vale per medicine contro epilessia o Parkinson: queste, riducendo la sudorazione, inibiscono la capacità corporea di termoregolarsi.

 

 

I consigli utili

I medici mettono in allarme: si può morire di caldo. Secondo stime ufficiali, nei paesi dell’Unione Europea l’estate 2022, con picchi di temperature da record, sta registrando molti più decessi degli anni precedenti. Quella del caldo è davvero una problematica da non sottovalutare, motivo per il quale si raccomanda sempre, in linea generale, soprattutto ad anziani e bambini, di non uscire nelle ore più bollenti della giornata (ovvero dalle 11 alle 17), di evitare l’esposizione diretta al sole, di utilizzare vestiti chiari e non aderenti (meglio se di lino e cotone) e di proteggere la testa all’aperto con un cappello.

8.421 visualizzazioni 28
Chiudi
Caricamento contenuti...