VIDEO
Cerca video
Installa app Contatti
CURIOSITÀ 09 DICEMBRE 2022

Covid, grasso in queste 3 zone del corpo può dare sintomi gravi

È ormai chiaro che i sintomi del Coronavirus variano molto, con casi che si presentano addirittura in modo asintomatico. Altri, invece, hanno conseguenze abbastanza gravi. Diversi fattori aumentano il rischio di brutte complicanze, ma la distribuzione del grasso potrebbe essere tra i più trascurati. La ricerca condotta da un team di scienziati dell’Università Statale e dell’Università di San Paolo suggerisce che il grasso viscerale potrebbe contribuire a sviluppare gravi sintomi del Coronavirus.

Il grasso viscerale è un fattore di rischio consolidato per le malattie cardiovascolari come il diabete e l’ipertensione. I lipidi associati a questo grasso sono immagazzinati in profondità all’interno della cavità addominale, dove racchiudono organi vitali come il fegato e l’intestino e stimolano un’infiammazione di basso grado. Sfortunatamente, il grasso viscerale è invisibile, quindi anche gli individui magri possono inconsapevolmente avere grasso all’interno delle loro pareti addominali. È considerato il grasso più pericoloso perché ha un‘infiammazione più attiva rispetto al tessuto adiposo sottocutaneo, a causa del rilascio di marcatori infiammatori. Più specificamente, quando gli adipociti del grasso viscerale vengono infettati, producono una maggiore quantità di citochine pro-infiammatorie, che possono peggiorare i sintomi del Covid. Le citochine sono responsabili dell’avvertimento del sistema immunitario dell’esistenza di una minaccia da cui mettersi in guardia.

0
Chiudi
Caricamento contenuti...