Virgilio Video VIDEO Search
HOME arrowDx CURIOSITÀ

Da cosa è composta l'isola di rifiuti del Pacifico?

27 LUGLIO 2018 29.014 visualizzazioni

Nella parte di pacifico che si estende tra la california e l’arcipelago hawaiano, galleggia placidamente la più grande chiazza di rifiuti del pianeta: la great pacific garbage patch, individuata nel 1997 dal velista charles moore. La sua vastità l’ha fatta assurgere a vera e propria località, ad opera di un paio di intraprendenti pubblicitari, che hanno depositato la richiesta di riconoscimento con il nome di trash isles (isola dei rifiuti) e ne hanno addirittura nominato cittadino l’ex vice presidente statunitense al gore. Se pensate che l’isola sia composta da bottiglie e imballaggi di microplastica, vi sbagliate: solo l’8 % della superficie galleggiante della patch, infatti, risulta essere di materiale sintetico di consumo, mentre tutto il resto sarebbe attrezzatura da pesca abbandonata. Il giovane olandese boyan slat ha fondato un’organizzazione, la ocean cleanup, al solo scopo di ripulire quest’area: costo dell’eco-operazione, 32 milioni di dollari! Con uno studio affidato ad un’equipe di scienziati, slat ha scoperto che ben il 46 % del pattume della patch è costituito da reti da pesca, corde, distanziatori per l’allevamento di ostriche, trappole e ceste varie, di cui almeno 1/5 proveniente dallo tsunami che devastò il giappone nel 2011. Se la plastica di bottiglie e sacchetti viene considerata il killer dell’ambiente marino per eccellenza, non bisogna dimenticare che nelle ghostnets (le reti fantasma) si impigliano senza speranza ogni anno almeno 100.000 animali, tra cui foche, tartarughe e addirittura balene. Turisti e fabbriche indisciplinati di 12 nazioni diverse e di almeno 9 idiomi distinti (a giudicare dalle etichette ritrovate), non sono la causa principale di questa vergogna ambientale.

Trend

guardali tutti

Buono a sapersi

guardali tutti

Video più condivisi

  • OGGI
  • SETTIMANA
  • MESE
guardali tutti

Alcuni video presenti in questa sezione sono stati presi da internet, quindi valutati di pubblico dominio. Se i soggetti presenti in questi video o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, basterà fare richiesta di rimozione inviando una mail a: team_verticali@italiaonline.it. Provvederemo alla cancellazione del video nel minor tempo possibile.

Caricamento contenuti...