VIDEO
Cerca video
Seguici su Installa app Contatti
CURIOSITÀ 10 GIUGNO 2020

Daisy e Violet, la triste storia delle gemelle siamesi

Ecco l’incredibile storia delle due sorelle siamesi “fenomeni da baraccone”: una vicenda di amore, sfruttamento e desiderio di libertà, che ha ispirato anche la serie cult “American Horror Story – Freaks” interpretata da una strepitosa Jessica Lange.

 

Daisy e Violet Hilton nacquero in Inghilterra il 5 febbraio 1908, unite ai fianchi e ai glutei; condividevano la circolazione sanguigna senza avere però organi in comune. La medicina di allora sosteneva che l’intervento di separazione avrebbe potuto ucciderle,  così – anche da adulte – non vollero affrontarlo.

 

La madre, una cameriera ventenne non sposata, le considerava la punizione per averle concepite fuori dal matrimonio, al punto da decidere di venderle ad una donna senza scrupoli, che vide in loro la possibilità di uno sfruttamento economico.

 

All’età di tre anni si ritrovarono, quindi, a girare il mondo, esibendosi in spettacoli musicali. Purtroppo la morte dell’impresaria non significò per loro la libertà: le gemelle vennero “ereditate” dalla figlia, ancora più crudeli. Solo ventitreenni ebbero il coraggio di fare causa all’aguzzina, ottenendo un risarcimento di 100.000 dollari.

 

Finalmente libere, grazie all’amicizia col mago Harry Houdini, misero su uno show tutto loro, approdando nel 1931 al cinema, partecipando – nei panni di loro stesse – al film di Tod Browning “Freaks”.

 

Poi, nel 1950, l’infelice scelta di investire i soldi del risarcimento nella produzione di un film causò loro un tremendo tracollo economico. Il loro agente, nel tentativo di arginare i danni, suggerì di inscenare un matrimonio con un amico gay, trasformando la cerimonia in un evento mediatico; ma quando la verità venne a galla la situazione degenerò, costringendo le due ad abbandonare il mondo dello spettacolo.

 

Per mantenersi, dovettero ripiegare su un lavoro qualunque, venendo assunte in una drogheria. Una scelta triste, tanto quanto la fine della loro storia. Il 4 gennaio 1969 il datore di lavoro, non vedendole arrivare, chiamò la polizia, che le trovò senza vita nel loro appartamento; cosa successe rimase un mistero.

 

Di certo neanche la morte poté separarle; vennero infatti sepolte insieme, in una tanto unica quanto inconsueta bara “matrimoniale”.

31.303 visualizzazioni 1
Alcuni video presenti in questa sezione sono stati presi da internet, quindi valutati di pubblico dominio. Se i soggetti presenti in questi video o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, basterà fare richiesta di rimozione inviando una mail a: team_verticali@italiaonline.it. Provvederemo alla cancellazione del video nel minor tempo possibile.
Chiudi
Caricamento contenuti...