Virgilio Video VIDEO Search
HOME arrowDx CONSIGLI

Dieta a eliminazione per depurarsi e sgonfiare la pancia

Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!
08 APRILE 2020 12.458 visualizzazioni

Un approccio all’alimentazione che può rivelarsi molto utile per identificare intolleranze, sensibilità o allergie: la dieta a eliminazione è un valido alleato per alleviare gonfiore e costipazione, e consiste – appunto – nell’eliminare dalla propria tavola gli alimenti che si sospetta il corpo abbia difficoltà a tollerare.

 

Successivamente si procede alla loro progressiva reintroduzione,  prestando attenzione ai sintomi palesati a seguito dell’assunzione. La dieta ha una durata compresa tra le 5 e le 6 settimane, ed è un ottimo aiuto per migliorare la qualità di vita di persone che soffrono, non in ultimo, di intestino irritabile.

 

Lo schema prevede una prima fase di di eliminazione, che dura dalle 2 alle 3 settimane. Tra i cibi da eliminare: soia e derivati, latticini, frutta a guscio, frutti di mare e glutine. È questo  uno step molto importante, per capire se i sintomi fastidiosi sono causati dall’alimento rimosso.

 

Arriva poi il momento di procedere alla progressiva reintroduzione dei cibi eliminati. Il consiglio è di reintegrare introducendo singolarmente ogni gruppo alimentare, prestando attenzione all’insorgenza di eruzioni cutanee, gonfiore addominale e problemi intestinali.

 

In linea generale, più cibi si rimuovono, più è probabile raggiungere l’obiettivo. L’ideale, ad esempio, sarebbe eliminare temporaneamente anche agrumi, legumi e alimenti ricchi di amido. Inoltre, è opportuno evitare burro, margarina, zucchero, miele e sciroppo d’acero.

 

La domanda sorge spontanea: cosa includere, allora, nell’alimentazione? Sì a frutta (ad eccezione degli agrumi), tisane, bevande sostitutive del latte vaccino, carne di tacchino e di agnello, selvaggina e pesci come il salmone.

 

La scienza pare essere pro dieta a eliminazione. Tra i tanti studi a favore citiamo un lavoro di ricerca del 2006, condotto da un’equipe attiva presso la statunitense University of Kansas. Gli esperti hanno arruolato 20 individui, con diagnosi di sindrome da intestino irritabile; sottoposti alla dieta a eliminazione hanno palesato miglioramenti decisamente significativi.

 

Trend

guardali tutti

Virali

guardali tutti

Video più condivisi

  • OGGI
  • SETTIMANA
  • MESE
guardali tutti

Alcuni video presenti in questa sezione sono stati presi da internet, quindi valutati di pubblico dominio. Se i soggetti presenti in questi video o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, basterà fare richiesta di rimozione inviando una mail a: team_verticali@italiaonline.it. Provvederemo alla cancellazione del video nel minor tempo possibile.

Caricamento contenuti...