VIDEO
Cerca video
Installa app Contatti
SALUTE 04 MARZO 2021

Dieta dei cibi più ricchi di ORAC

Le scoperte scientifiche più recenti in campo nutrizionale hanno stabilito che non sempre ciò che dal punto di vista organolettico riteniamo “buon cibo” è anche “cibo buono” per il nostro organismo: mangiare seguendo i dettami della genomica può aumentare longevità e qualità della nostra vita, senza rinunciare a gusto e varietà.

 

I nemici più accaniti della “giovinezza” cellulare sono i radicali liberi prodotti dal metabolismo dell’ossigeno, cioè dalla respirazione: a farne le spese in maniera più evidente è l’epidermide, il cui inevitabile invecchiamento può essere rallentato dall’assunzione di alimenti dall’elevata capacità di assorbimento di queste molecole dannose.

 

La comunità scientifica ha stilato un indice di riferimento chiamato ORAC, – Oxygen Radicals Absorbance Capacity-, che classifica i cibi in base al loro potere antietà: la quota giornaliera consigliata corrisponde a 2000 unità che, secondo la professoressa Pucci Romano, presidente di Skineco, garantirebbero nel flusso sanguigno un incremento fino al 25% delle sostanze efficaci contro lo stress ossidativo. Nel suo libro “Un’amica per la pelle” si legge che ogni antiossidante neutralizza uno specifico gruppo di radicali ed è quindi più sensato adottare un regime alimentare che ne apporti tipologie diverse, piuttosto che integrare i singoli composti.

 

Nella tabella ORAC troviamo soprattutto vegetali, tra cui verdure a foglia verde scuro, crucifere, cipolla, aglio, ortaggi colorati, – specie quelli rossi -, legumi e cereali integrali, mentre il pesce andrebbe sempre preferito alla carne e ad altri prodotti di origine animale; completano il quadro olii spremuti a freddo, cereali integrali e relative farine, spezie e semi oleosi.

 

Nello specifico, i legumi sono particolarmente ricchi di saponine e polifenoli, sostanze in grado di migliorare il metabolismo e la tonicità della pelle e dei muscoli; il grano integrale apporta vitamine B ed E, oltre a sali minerali e carotenoidi; crescione, ruchetta, spinaci e verdure solforate o piccanti sono quelle con maggior potere antiossidante, seguite da peperoni, zucca e pomodori maturi: ottima anche la salsa per il sugo del supermercato e ancora meglio il doppio concentrato.

 

L’ideale è assumere almeno 100 grammi di verdure crude e 250 di cotte per ogni giornata, distribuite in circa 6 porzioni da integrare con diversi tipi di frutta acidula, come mele, agrumi, frutti di bosco, uva nera, ciliegie, fragole, pesche gialle e albicocche, rispettando la stagionalità.

 

Un pasto composto da riso integrale e polpettine di ceci, arricchite con peperoncino, cipolla, pomodoro, prezzemolo fresco e accompagnati da un bicchiere di vino riesce ad apportare in una sola volta fino a 24.000 unità ORAC.

0
Alcuni video presenti in questa sezione sono stati presi da internet, quindi valutati di pubblico dominio. Se i soggetti presenti in questi video o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, basterà fare richiesta di rimozione inviando una mail a: team_verticali@italiaonline.it. Provvederemo alla cancellazione del video nel minor tempo possibile.
Chiudi
Caricamento contenuti...