VIDEO
Cerca video
Installa app Contatti
SALUTE 25 MARZO 2022

Dieta vegana: i pro e i contro

Scopriamo insieme i pro e contro di una dieta particolare, la dieta vegana.

 

Come spiega la biologa nutrizionista Renata Cipriano, la dieta vegana richiede un buon grado di attenzione, in quanto l’apporto di proteine ed omega 3 potrebbe non essere adeguato. Questo tipo di alimentazione, che prevede un alto consumo di prodotti vegetali, può costituire uno strumento di prevenzione e controllo verso infarto, ictus, tumori, diabete e malattie respiratorie.

 

Il consumo di alimenti vegetali favorisce anche un minor consumo di acidi grassi saturi (presenti principalmente nei prodotti animali) e una maggiore assunzione di fibre, migliorando i livelli di colesterolo nel sangue e preservando cuore e arterie.

 

Studi recenti conferiscono alla dieta vegana, poi, una maggiore protezione da tutti i tipi di cancro. Non è tutto: è stato riscontrato che i vegani corrono un rischio più basso di sviluppare il diabete di tipo 2. Infine, altro beneficio è rappresentato dal minor impatto a livello ambientale: la produzione di alimenti vegetali produce emissioni di gas serra inferiori a quelle degli alimenti animali. Va detto che il modello vegano non è uno stereotipo da improvvisare, ma una scelta consapevole da gestire con l’aiuto di professionisti della salute.

 

È estremamente importante garantire al corpo il giusto apporto di nutrienti chiave. Questo modello di dieta, infatti, se non bilanciato e adeguatamente integrato, potrebbe, ad esempio, influire negativamente sulla corretta crescita dei bambini.

 

Le diete vegane possono diventare poco salutari anche se si abbonda di alimenti ultra-processati come salsicce, bocconcini e veg burger, e bevande, “formaggi” e “yogurt” a base vegetale; alimenti a cui sono aggiunti coloranti, emulsionanti, additivi e dosi massicce di sale, per aumentare conservazione e appetibilità. Inoltre, una dieta vegana potrebbe risultare difficilmente praticabile per le persone che manifestano difficoltà intestinali, in seguito al consumo di legumi.

 

A cura di Antonella Lobraico, editor specializzata in salute&benessere

 

1.071 visualizzazioni 0
Chiudi
Caricamento contenuti...