VIDEO
Cerca video
Installa app Contatti
NOTIZIE 16 OTTOBRE 2021

Festa di Roma, Joe Wright con un "Cyrano" sempre più attuale

Roma (askanews) - Dopo aver portato al cinema grandi romanzi come "Anna Karenina" o "Orgoglio e pregiudizio" il regista inglese Joe Wright rilegge "Cyrano" in forma di musical. Il film è nella selezione ufficiale della Festa di Roma e arriverà nelle sale all'inizio del prossimo anno. Una versione cinematografica appassionante, con una splendida regia e due interpreti di altissimo livello: Peter Dinklage nel ruolo di Cyrano de Bergerac e Haley Bennett in quello di Roxanne.

Il regista, a Roma per l'anteprima europea del film, spiega: "Non volevo fare un musical tradizionale, in realtà non mi piacciono molto: smettono di parlare all'improvviso e iniziano a cantare in modo così retorico. Volevo fare un film con delle canzoni e con la danza, ma che sembrasse molto naturale, infatti le canzoni sono cantate live, per creare veramente un senso di intimità". Cyrano è un uomo brillante, appassionato, in grado di primeggiare nei giochi di parole e con la spada, ma non ha il coraggio di dichiararsi alla donna che ama, perché teme un rifiuto. Una figura rappresentata tante volte a teatro, che rimane sempre universale e moderna.

"Penso che Rostand abbia creato un personaggio molto peculiare. E' una storia sul fallimento delle parole secondo me, più che sulla bellezza delle parole: quello che noi non riusciamo a dire è più importante di quello che riusciamo a dire. E questi sono temi validi in ogni epoca".

L'aspetto di Cyrano lo rende un "diverso", deriso da alcuni, guardato con sospetto da altri. Un aspetto che rende ancora più contemporanea la pellicola. "Penso che oggi ci sia proprio una mancanza di compassione, è tutto: innocente o colpevole, giusto o sbagliato, bello o brutto. Sì c'è sempre più una mancanza di comprensione per la diversità".

Haley Bennett, che incanta con la sua splendida voce, aveva interpretato già a teatro Roxanne, sempre a fianco di Peter Dinklage nel ruolo di Cyrano. "E' stato un processo nato con una piccola produzione teatrale per 150 spettatori, poi abbiamo girato nella splendida Sicilia, ora c'è il film. Per me non c'è molta differenza tra il teatro e il cinema: cerchi sempre di trovare la più onesta e autentica interpretazione di un personaggio, e quella parte sempre da qui, dal tuo cuore".

0
Alcuni video presenti in questa sezione sono stati presi da internet, quindi valutati di pubblico dominio. Se i soggetti presenti in questi video o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, basterà fare richiesta di rimozione inviando una mail a: team_verticali@italiaonline.it. Provvederemo alla cancellazione del video nel minor tempo possibile.
Chiudi
Caricamento contenuti...