Virgilio Video VIDEO Search
HOME arrowDx NOTIZIE

Grafene, il Nobel Novoselov: bravi i ricercatori italiani

18 OTTOBRE 2018

Milano (askanews) - "I ricercatori italiani sono stati molto bravi e importanti nella sviluppo della ricerca sul Grafene, uno dei progressi fatto dagli italiani è stata la scoperta dei modulatori per la tecnologia 5G, un uso molto intelligente del Grafene".

A parlare è il fisico anglo-russo Konstantin Novoselov, premio Nobel per la Fisica nel 2010 per la scoperta del Grafene, intervistato a margine di un incontro sull'utilizzo di questo materiale rivoluzionario nell'industria aerospaziale, organizzato da Leonardo-Finmeccanica, che partecipa alla Grafene Flagship, tra i maggiori progetti di ricerca dell'Unione Europea che vede coinvolte 145 tra industrie, università e centri di ricerca in oltre 20 Paesi.

"La Grafene Flagship è importantissima - ha continuato il Nobel - perché abbiamo creato un gruppo di studiosi che mette insieme varie competenze e ci permette di condividere le scoperte su una piattaforma comune che segue anche le indicazioni degli ingegneri per evitare di fare ricerca su cose che poi non interessano all'impresa".

"Quello che dobbiamo capire - ha spiegato il Nobel - è che il Grafene è un materiale composto da un solo atomo, uno dei suoi possibili utilizzi è anche per i touchscreen dei cellulari e delle Tv di nuova generazione. Per produrre tutte le Tv o le batterie al litio che usiamo oggi ne basterebbero solo 60 Kg perché è molto sottile e non ce ne vuole tanto, così potremo evitare l'impatto ambientale grazie all'uso del Grafene".

"Ogni tipo di ricercatore - ha concluso - ha i suoi interessi nel Grafene, negli ultimi anni abbiamo capito che il Grafene non è l'unico materiale a 2 dimensioni spesso un solo atomo e che questi materiali possono avere anche loro una forma bidimensionale ma le loro proprietà sarebbero molto diverse da quelle del Grafene. Ciò significa che possiamo produrre diverse strutture bidimensionali di materiali diversi; metalli, isolanti, correttori ottici. Abbiamo provato anche a unire questi diversi materiali in nuove strutture mettendone insieme le differenti proprietà e quindi possiamo codificare le funzionalità di qualunque dispositivo usando pochi strati di atomi. È molto emozionante questa direzione in cui sta andando la ricerca. Per questo non credo che il mondo sia a corto di idee ma è importante non seguire solo le orme degli altri ma pensare con la propria testa ma di essere il più creativi e produttivi possibile".

Trend

guardali tutti

Video più condivisi

  • OGGI
  • SETTIMANA
  • MESE
guardali tutti

Alcuni video presenti in questa sezione sono stati presi da internet, quindi valutati di pubblico dominio. Se i soggetti presenti in questi video o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, basterà fare richiesta di rimozione inviando una mail a: team_verticali@italiaonline.it. Provvederemo alla cancellazione del video nel minor tempo possibile.

Caricamento contenuti...