VIDEO
Cerca video
Seguici su Installa app Contatti
EMOZIONI 03 GENNAIO 2021

"Grazie, prof": l'abbraccio virtuale degli studenti al loro insegnante

Il Coronavirus e le norme di sicurezza necessarie per arginarlo hanno stravolto il modo di insegnare. Per professori e studenti la Dad, la cosiddetta Didattica a distanza, non è sempre facile né soddisfacente. Ma, nonostante le difficoltà, arrivano anche le belle sorprese. Quelle che ci fanno comprendere come tutto non sia vano e come gli sforzi vengano ripagati.

È il caso della testimonianza affidata ai social del professore Marco Di Benedetto. A turno i ragazzi hanno spento tutte le webcam e il docente ha pensato a una sorta di ammutinamento. Incredulo, ha minacciato delle ripercussioni a livello didattico e disciplinare. I suoi alunni sono stati molto bravi a fargli credere di essere disinteressati alla lezione e hanno rischiato anche un brutto voto o una nota, ma – come diceva Machiavelli – “il fine giustifica i mezzi”.

I tanti quadratini sullo schermo, che ormai compongono le classi durante le lezioni telematiche, si sono riaccesi poco alla volta. Hanno colorato il monitor e il cuore di Marco Di Benedetto. Tanti cartelli con lo stesso messaggio dicevano: “Grazie, prof.”.

Un gesto commovente quanto semplice, che è arrivato dritto al destinatario. Nonostante le difficoltà tecniche e la mancanza di un contatto diretto tra studenti e insegnanti, la Dad ha dimostrato come l’essere umano sia in grado di andare oltre e di vedere gli aspetti positivi anche nelle situazioni complesse da affrontare.

Professori in prima linea

Tanti i commenti alla foto su Facebook, a conferma che l’impegno, la passione e la dedizione pagano. Marco Di Benedetto è uno di quei professori che fanno la differenza nella vita dei propri alunni e che ricevono il loro ringraziamento. Un gesto che potrebbe risultare banale, ma che invece non è per nulla scontato.

Come Marco, però, ci sono tanti insegnanti che lavorano duramente ogni giorno. E non per portare uno stipendio a casa, ma perché credono nel potere sociale del loro mestiere. E, come diciamo grazie al personale sanitario in prima linea contro il Coronavirus, dobbiamo essere riconoscenti a figure come i professori. Loro stanno contribuendo a formare coloro i quali rappresentano il domani: i ragazzi. Loro sono dei combattenti in questa guerra contro un nemico invisibile.

40.069 visualizzazioni 38
Alcuni video presenti in questa sezione sono stati presi da internet, quindi valutati di pubblico dominio. Se i soggetti presenti in questi video o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, basterà fare richiesta di rimozione inviando una mail a: team_verticali@italiaonline.it. Provvederemo alla cancellazione del video nel minor tempo possibile.
Chiudi
Caricamento contenuti...