VIDEO
Cerca video
Installa app Contatti
NOTIZIE 09 GIUGNO 2021

Greenpeace a Patuanelli: "Basta soldi alle fabbriche di carne"

Roma, 9 giu. (askanews) - Davanti al Ministero delle Politiche Agricole e Forestali è comparsa la riproduzione di un pianeta malato, con tanto di mascherina, e un "tappeto degli orrori", con immagini di allevamenti intensivi e foreste che bruciano. Sono i simboli scelti da Greenpeace per denunciare la cruda verità degli allevamenti intensivi e chiedere che queste attività non vengano più finanziate con denaro pubblico, che dovrebbe invece servire ad avviare una transizione radicale dell'attuale modello produttivo.

Per questo motivo le attiviste e gli attivisti di Greenpeace hanno srotolato uno striscione con la scritta "Basta soldi pubblici alle fabbriche di carne". Il ministro Stefano Patuanelli ha incontrato Greenpeace e si è detto concorde sull'insostenibilità degli attuali livelli di produzione intensiva di carne e sulla necessità di avviare una transizione del settore, sottolineando inoltre l'eccessiva densità di allevamenti intensivi in alcune zone del Paese.

"Se la politica non aprirà gli occhi sulla necessità di superare il sistema intensivo di produzione di carne, ci attende un futuro ad alto rischio", ha dichiarato Simona Savini, campagna agricoltura di Greenpeace Italia. "Ora più che mai è necessario utilizzare i fondi pubblici della nuova Politica agricola comune (PAC) e del PNRR per sostenere produzioni ecologiche su piccola scala, piuttosto che maxi allevamenti intensivi che divorano il Pianeta", ha aggiunto.

La zootecnia - spiega Greenpeace - è infatti uno dei principali motori della distruzione delle foreste e della biodiversità, e può in questo modo favorire nuovi salti di specie (spillover) di virus dagli animali agli esseri umani. Gli allevamenti intensivi, in particolare, dove molti animali sono costretti a vivere ammassati in spazi ristretti, sono l'ambiente ideale per il proliferare di agenti patogeni come i coronavirus e i virus dell'influenza, e lo dimostrano anche i numerosi focolai di aviaria scoperti in queste settimane in diversi Paesi, dalla Cina alla Polonia.

0
Alcuni video presenti in questa sezione sono stati presi da internet, quindi valutati di pubblico dominio. Se i soggetti presenti in questi video o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, basterà fare richiesta di rimozione inviando una mail a: team_verticali@italiaonline.it. Provvederemo alla cancellazione del video nel minor tempo possibile.
Chiudi
Caricamento contenuti...