Virgilio Video VIDEO Search
HOME arrowDx NEWS

Grillo pubblica il codice di comportamento per gli indagati M5S

Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!
02 GENNAIO 2017

Milano (askanews) - Il Movimento 5 Stelle cerca di mettere ordine sul comportamento da tenere nel caso del coinvolgimento di un proprio eletto in vicende giudiziarie, per sanare un vuoto all'interno del quale in passato ci sono stati reazioni e provvedimenti diversi a seconda della persone coinvolta, con una lunga scia di polemiche.

Lo fa attraverso un Codice di comportamento pubblicato sul blog di Grillo, diviso in sei punti.

Una delle direttive specifica che 'la ricezione, da parte del portavoce' di un avviso di garanzia 'non comporta alcuna automatica valutazione di gravita' dei comportamenti'.

Dunque nessun provvedimento in automatico, ma solo a patto che l'indagato abbia informato 'immediatamente e senza indugio il gestore del sito' di essere coinvolto in un procedimento penale.

A giudicare il comportamento e prendere provvedimenti saranno il Garante del MoVimento 5 Stelle, cioe' Beppe Grillo, il Collegio dei Probiviri e il Comitato d'appello che avranno comunque ampia discrezionalita'.

Il loro giudizio avra' valore al di la' dell'iter giudiziario, visto che 'valutano la gravita' dei comportamenti tenuti dai portavoce, a prescindere dall'esistenza di un procedimento penale' e possono sanzionare l'indagato 'a prescindere dall'esito e dagli sviluppi del procedimento penale'.

Viene introdotto il concetto di autosospensione, a cui l'indagato puo' ricorrere 'senza che cio' implichi di per se' alcuna ammissione di colpa o di responsabilita''.

Il regolamento verra' votato dagli attivisti per la ratifica a partire dalle 10 del 3 gennaio ma gia' fioccano i commenti: c'e' chi plaude all'iniziativa e ci vede un segno di crescita del movimento e chi ne sottolinea aspetti contraddittori o poco chiari, come l'obbligo di dover riferire del procedimento penale al 'gestore del sito' e non a una struttura definita all'interno del movimento.

Il regolamento varra' anche per gli assessori di giunte a 5 Stelle non iscritti al Movimento.

Trend

guardali tutti

Virali

guardali tutti

Video più condivisi

  • OGGI
  • SETTIMANA
  • MESE
guardali tutti

Alcuni video presenti in questa sezione sono stati presi da internet, quindi valutati di pubblico dominio. Se i soggetti presenti in questi video o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, basterà fare richiesta di rimozione inviando una mail a: team_verticali@italiaonline.it. Provvederemo alla cancellazione del video nel minor tempo possibile.

Caricamento contenuti...