VIDEO
Cerca video
Installa app Contatti
CURIOSITÀ 25 MAGGIO 2022

Il caso della benzina fredda in Formula 1: cosa sapere

Nella Formula Uno 2022 uno dei casi più discussi è quello della cosiddetta “benzina fredda”: ecco di cosa si tratta.

 

 

Nel GP di Barcellona il vincitore Verstappen ha rischiato di partire dalla pit-lane per via della temperatura del “suo” carburante, troppo bassa rispetto a quanto indicato dal regolamento; proprio come successo a Miami ai piloti Lance Stroll e Sebastian Vettel. La regola stabilisce: un’ora prima dell’inizio delle prove libere, delle qualifiche e due ore prima dell’inizio della gara, la temperatura non deve essere inferiore di oltre 10° rispetto all’ambiente.

 

 

A Montmelò, dove si trova il Circuito di Catalogna sede del GP di Spagna di F1, la temperatura esterna comunicata dalla Fia era di 35°; quindi la benzina poteva essere raffreddata a massimo 25C°. Visti i problemi di evaporazione del carburante dei motori Honda causa caldo, la Red Bull ha deciso di correre il rischio: due ore prima dell’inizio della gara ha inserito nelle RB18 benzina più fredda del consentito. Gli ingegneri RB e quelli dell’AlphaTauri, notata la temperatura troppo bassa del carburante nel serbatoio, hanno sfruttato i 10 minuti extra concessi dalla federazione, generalmente dedicati alle prove di partenza, per riscaldarlo, anche sfruttando il calore sprigionato dai motori accesi. Tant’è che quando le vetture hanno lasciato i box rispettavano appieno le regole, come dimostrato dal sensore di controllo utilizzato dalla Fia.

 

 

Stando alle parole dell’ingegnere Ferrari Mattia Binotto, la temperatura della benzina deve però essere sempre al di sopra del valore minimo previsto, non solo quando la macchina esce dal box; inoltre, il carburante non va affatto riscaldato per mezzo del motore. Tuttavia, secondo Red Bull, di recente c’è stato un intervento chiarificatore della FIA, secondo il quale il momento nel quale la temperatura deve essere conforme al regolamento è quello in cui le monoposto partono. Ecco spiegato perché ad oggi non c’è stata alcuna violazione del regolamento da parte di Verstappen; le polemiche, però, continuano.

18.998 visualizzazioni 18
Chiudi
Caricamento contenuti...