Virgilio Video VIDEO Search
HOME arrowDx NOTIZIE

Indagine sui decessi nelle Rsa, i finanzieri in Regione Lombardia

Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!
15 APRILE 2020

Milano, 15 apr. (askanews) - Non si arresta l'attività di indagine della Guardia di Finanza nell'ambito dell'inchiesta milanese sul boom di morti sospette avvenute al Pio Albergo Trivulzio e nelle altre Rsa del Milanese nelle fasi più acute dell'emergenza Coronavirus. Questa mattina i militari delle Fiamme Gialle si sono presentati negli uffici della sede della Regione Lombardia per un'acquisizione di documenti.

Un nuovo blitz, dunque, dopo quello scattato ieri al Pio Albergo Trivulzio e in altre Rsa del territorio milanese, dove per oltre 16 ore gli investigatori delle Fiamme Gialle hanno passato al setaccio e sequestrato numerosi documenti cartacei e digitali. Serviranno settimane per analizzare nel dettaglio il materiale finito sotto sequestro: centinaia di cartelle cliniche dei pazienti deceduti nelle Rsa, ma anche le direttive organizzative interne alle singole aziende e i protocolli sanitari regionali e ministeriali. Bisognerà insomma verificare il corretto utilizzo di mascherine e altri dispositivi di protezione da parte del personale sanitario e accertare l'esatto numero di tamponi effettuati al Pio Albergo Trivulzio a in altre strutture socio sanitarie.

L'indagine sul Pio Albergo Trivulzio vede indagato il direttore generale Giuseppe Calicchio. Altri fascicoli sono stati poi aperti per far luce sulla situazione di altre Rsa: l'indagine sulla Sacra Famiglia di Cesano Boscone ha portato sotto indagine i vertici dell'istituto. Le accuse, per tutti, sono epidemia colposa e omicidio colposo.

Trend

guardali tutti

Virali

guardali tutti

Video più condivisi

  • OGGI
  • SETTIMANA
  • MESE
guardali tutti

Alcuni video presenti in questa sezione sono stati presi da internet, quindi valutati di pubblico dominio. Se i soggetti presenti in questi video o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, basterà fare richiesta di rimozione inviando una mail a: team_verticali@italiaonline.it. Provvederemo alla cancellazione del video nel minor tempo possibile.

Caricamento contenuti...