VIDEO
Cerca video
Installa app Contatti
CURIOSITÀ 06 DICEMBRE 2022

Influenza aviaria, evita di cucinare così l'uovo: cosa si rischia

Mentre il Covid proprio non vuole saperne di lasciare questa terra e l’influenza stagionale inizia a farsi largo mettendo a letto molte persone, un’altra influenza torna a far paura. È quella aviaria, che circola ormai in tutto il mondo con numeri niente affatto confortanti. Se in Europa si stima che la prevalenza della malattia sia la più alta mai registrata, qui in Italia l’Istituto zooprofilattico sperimentale delle Venezie fa sapere che il 29 settembre 2022, il Centro di referenza nazionale (Cnr) ha confermato la prima positività per virus dell’Influenza Aviaria ad Alta Patogenicità (HPAI) sottotipo H5N1 in volatili selvatici. Il rapporto realizzato dall’Istituto registra al 30 novembre ben 27 focolai tra Veneto, Friuli Venezia Giulia, Lombardia ed Emilia Romagna, per un totale di 107 animali risultati positivi.

A mettere il carico da 90 è David Quammen, l’uomo che aveva in qualche modo predetto il Covid. L’autore del best seller Spillover aveva spiegato come si diffondessero i virus e come questo sarebbe stato la prossima piaga che avrebbe colpito il pianeta. Ora, come dichiarato in un’intervista rilasciata a Fanpage.it, fa sapere da dove potrebbe avere origine la prossima pademia, e tira in ballo proprio l’aviaria: “Il prossimo focolaio potrebbe essere un altro coronavirus o potrebbe essere un virus dell’influenza, perché si evolvono rapidamente, si riversano dagli uccelli nei maiali e nelle persone. L’influenza aviaria H5N1, per esempio, è un virus che sta là fuori, gli scienziati lo stanno osservando, non è molto pericoloso perché può infettare solo occasionalmente gli umani e non si trasmette da uomo a uomo ma con poche mutazioni, pochi cambiamenti, potrebbe diventare capace di un’efficace infezione e trasmissione negli esseri umani, e a quel punto sarebbe molto pericoloso“.

60
Chiudi
Caricamento contenuti...