Virgilio Video VIDEO Search
HOME arrowDx NOTIZIE

Intesa Sanpaolo con Classica HD per divulgare la grande musica

Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!
14 SETTEMBRE 2018

Milano (askanews) - Il Gruppo Intesa Sanpaolo e il canale televisivo dedicato alla grande musica "Classica HD" hanno avviato una collaborazione finalizzata alla valorizzazione e alla diffusione delle rispettive iniziative in ambito musicale e culturale. L'accordo prevede di ampliare lo spazio offerto ai protagonisti della grande musica, con eventi live in esclusiva, prime visioni, produzioni speciali, un sostegno di comunicazione ai teatri e l'attenzione verso nuovi pubblici, in particolare i giovani.

"L'accordo con Intesa Sanpaolo è una tappa importantissima nel percorso di consolidamento delle nostre attività editoriali, che ci permette di essere più presenti sul territorio e al tempo stesso di confermare la nostra vocazione internazionale" ha spiegato ad Askanews l'editore e direttore di "Classica HD" (canale 138 di Sky), sottolineando che "la forza del nostro canale è sempre stata questa: con Barenboim, Abbado, Karajan, Netrebko, Kaufmann, ma anche vedere cosa fanno i giovani, che cosa fanno i musicisti in provincia, che cosa succede nei piccoli teatri".

"Due i motivi principali del perché dell'accordo con 'Classica HD': è un editore che lavora molto bene per creare nuovi contenuti e per riuscire a coinvolgere un pubblico ancora più ampio - ha spiegato il direttore comunicazione e immagine di Intesa Sanpaolo, Fabrizio Paschina - e parlando di ampiezza, la possibilità del canale di essere presenti in 61 Paesi del mondo, per raggiungere circa 15 milioni di potenziali utenti per poter far vedere tutte le bellezze e l'arte italiana".

Alla presentazione dell'accordo alle Gallerie d'Italia di Milano, è intervenuto, tra gli altri, anche il critico televisivo Aldo Grasso che ai microfoni di Askanews ha ricordato che quello tra tv e musica colta "è un rapporto difficilissimo che nasce proprio dalle origini della televisione, quando la tv si limitava a mettere una telecamera in un teatro e cercava di riprodurre l'opera lirica piuttosto che un concerto o altre manifestazioni simili, con esiti quasi sempre deludenti". "Oggi il rapporto tra la musica classica e il servizio pubblico resta un rapporto sporadico, poi per fortuna sono arrivati dei canali dedicati - ha proseguito il professore - che è vero che sono riservati ad un certo numero di persone, però finalmente il rapporto è maturato e si è capito che un conto sono i concerti dal vivo e un altro conto sono le riprese televisive che hanno pari dignità".

Trend

guardali tutti

Buono a sapersi

guardali tutti

Video più condivisi

  • OGGI
  • SETTIMANA
  • MESE
guardali tutti

Alcuni video presenti in questa sezione sono stati presi da internet, quindi valutati di pubblico dominio. Se i soggetti presenti in questi video o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, basterà fare richiesta di rimozione inviando una mail a: team_verticali@italiaonline.it. Provvederemo alla cancellazione del video nel minor tempo possibile.

Caricamento contenuti...