Virgilio Video VIDEO Search
HOME arrowDx VIAGGI

Isola di Albarella, turismo slow nel Delta del Po

Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!
20 LUGLIO 2020 2.894 visualizzazioni

Andiamo alla scoperta dell’isola di Albarella, piccola oasi nel parco del Delta del Po all’insegna del turismo slow, tra Chioggia e Comacchio, nel comune di Rosolina in provincia di Rovigo.

 

Albarella, protetta dal caos e immersa nel verde, è una dimensione ideale per vivere un’esperienza di totale relax, in cui contatto con la natura, animali liberi e silenzio regnano incontrastati. Una volta approdati (tramite il ponte che collega alla terraferma) la sensazione è quella di entrare in un altro mondo, meravigliosamente differente dalla vita di tutti i giorni: 528 ettari di macchia mediterranea, 2 milioni di alberi e 150 specie arboree diverse, tra cui il pioppo bianco (il “Populus Alba” da cui l’isola prende il nome).

 

Albarella è habitat naturale di daini, fagiani, lepri, aironi, falchi di palude, cavalieri d’Italia e garzette, ed il 100% della sua superficie (sia terrestre che acquatica) è sotto stretta tutela ambientale; una riserva della biosfera dell’Unesco, la cui pace è preservata da una barriera varcabile solo da chi possiede un permesso, limitando così gli ingressi.

 

L’isola è meta ideale per famiglie e per chi predilige il turismo slow: qui i bambini sono liberi di giocare in totale tranquillità, grazie al traffico pressoché assente ed alla velocità moderata dei mezzi. Non mancano gli itinerari da percorrere rigorosamente in bicicletta: da provare il tour che attraversa le Valli, e che conduce al giardino botanico di Porto Caleri, dove ammirare le ultime dune litoranee venete.

Inoltre, percorrendo le viuzze interne, impossibile non lasciarsi conquistare dalla sua anima sportiva: campi da tennis, da calcio, da golf, da beach volley, un centro ippico, piscine, un campo per il tiro con l’arco, scuola di vela, windsurf e molto altro.

 

Ma ciò che rende l’isola speciale è il progetto elaborato da Augusto Zanella e Cristian Bolzonella, ricercatori dell’università di Padova che puntano a portare l’intera struttura a zero emissioni di CO2; iniziativa che trasforma questo luogo in un grande laboratorio naturale a cielo aperto, per un rilancio del turismo post pandemia in cui la parola d’ordine è “rispetto”, in primis dell’ambiente.

Trend

guardali tutti

Fai da te

guardali tutti

Video più condivisi

  • OGGI
  • SETTIMANA
  • MESE
guardali tutti

Alcuni video presenti in questa sezione sono stati presi da internet, quindi valutati di pubblico dominio. Se i soggetti presenti in questi video o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, basterà fare richiesta di rimozione inviando una mail a: team_verticali@italiaonline.it. Provvederemo alla cancellazione del video nel minor tempo possibile.

Caricamento contenuti...