Virgilio Video VIDEO Search
HOME arrowDx NEWS

Josh Kline a Torino: pacchetti-umani e reddito di cittadinanza

28 DICEMBRE 2016

Torino (askanews) - Una mostra di forte impatto emotivo, capace, in tre momenti, di suscitare nello spettatore reazioni molto diverse.

'Unemployment', la prima personale italiana dell'artista statunitense Josh Kline, alla Fondazione Sandretto Re Rebaudengo di Torino, e' un oggetto espositivo diseguale, animato da una forte tensione sociale, che si inserisce nel piu' vasto scenario di un ciclo di mostre dell'artista che riflettono sui temi economico-politici del nostro futuro.

La curatrice Irene Calderoni: 'Lui ha studiato cinema - ci ha detto - quindi ha nel suo linguaggio una forte componente narrativa.

E' come uno scenario in 4D, qualcosa da attraversare, da esperire, nel quale ogni immagine si da' nel contesto di uno scenario, di una narrazione'.

'Unemployment', come dice lo stesso titolo, si concentra sul mondo senza lavoro che potremmo gia' conoscere negli anni Trenta del nostro secolo.

E dunque ecco che le tristemente note scatole che contraddistinguono i licenziamenti in America divengono soggetto d'arte, inserite in inquietanti strutture vitree che sono, a tutti gli effetti, dei virus.

Ancora piu' inquietanti, e d'impatto, i corpi impacchettati che si incontrano nella seconda sala della mostra, metafora di come ci si possa tragicamente trasformare in rifiuti da smaltire, una volta consumato tutto il valore d'uso.

'Queste persone - ha aggiunto Calderoni - sono state fotografate all'interno di un set nel quale sono presenti 80 macchine fotografiche digitali che scattano nello stesso istante producendo un'immagine in 3D della persona, che poi viene stampata in gesso al computer'.

La critica di Kline e' forte, ha grande lucidita' di analisi, ma, al tempo stesso, non si pone al di fuori del contesto - dove avrebbe preso sfumature ideologiche meno interessanti - e, anzi, la sua ricerca artistica nasce all'interno dello stesso sistema malato che denuncia.

'In pratica - ci ha detto la curatrice - Josh Kline impiega le stesse tecnologie e processi di manifattura che sono al centro della sua disamina critica, quindi di quei processi della societa' che lui va a indagare, denunciando come fonte della distruzione dell'essere umano nella nostra epoca'.

Come si vede, le due sale vivono di una intensita' e di una denuncia dai toni decisamente drammatici.

Ma poi, nell'ultima parte della mostra, succede qualcosa e lo spettatore si trova ancora piu' spaesato davanti a uno schermo.

'Il video che chiude la mostra - ha concluso Irene Calderoni - e' in effetti una sorta di messaggio pubblicitario, di propaganda vera e propria, per il reddito di cittadinanza, quindi la possibilita' di una redistribuzione del reddito come unica chance, cosi' la vedo Josh Kline, per evitare il collasso totale del sistema democratico'.

La curatrice ci assicura che Kline non volesse in nessun modo essere ironico con questo video, ma solo sostenere con convinzione la propria proposta politica.

Nell'ottica di chi visita la mostra continuiamo pero' a pensare che sia possibile leggere questo video anche come una ulteriore conferma del fatto che non sia possibile uscire dal linguaggio del Sistema e quindi, forse neppure dal Sistema stesso.

Ma quello che conta, qui nella Fondazione Sandretto Re Rebaudengo, ma in generale di fronte al lavoro artistico, e' lo stupore che riesce ancora a coglierci quando i pezzi funzionano.

E nel caso di Josh Kline non abbiamo dubbi.

Trend

guardali tutti

Curiosità

guardali tutti

Video più condivisi

  • OGGI
  • SETTIMANA
  • MESE
guardali tutti

Alcuni video presenti in questa sezione sono stati presi da internet, quindi valutati di pubblico dominio. Se i soggetti presenti in questi video o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, basterà fare richiesta di rimozione inviando una mail a: team_verticali@italiaonline.it. Provvederemo alla cancellazione del video nel minor tempo possibile.

Caricamento contenuti...