VIDEO
Cerca video
Installa app Contatti
SALUTE 02 DICEMBRE 2021

La dieta con spinaci

Gli spinaci sono preziosi alleati della forma fisica e della salute. Scopriamone insieme tutti i benefici.

 

 

Ricchissimi d’acqua, hanno un bassissimo apporto calorico: una porzione di circa 200 g apporta meno di 70 calorie. Gli spinaci sono la verdura perfetta per chi si trova in condizioni di obesità e sovrappeso, stipsi e patologie cardiovascolari. E come noto sono anche ottimi amici della vista: i carotenoidi contenuti, infatti, migliorano la visione in penombra; ma non solo: mantengono l’integrità e il naturale funzionamento della pelle e delle mucose, supportano la crescita scheletrica e aiutano il sistema immunitario a lavorare correttamente. La vitamina C, poi, aiuta a mantenere il benessere dei vasi sanguigni, consente di mantenere in salute denti e gengive, facilita l’assorbimento del ferro, partecipa alla formazione, crescita e riparazione del tessuto osseo e connettivo, aiuta a mantenere sana la pelle e a cicatrizzare le ferite.

 

 

La vitamina E, potente antiossidante, favorisce il rinnovo cellulare e protegge l’organismo dai danni dell’inquinamento e del fumo di sigaretta. La K svolge ruolo fondamentale nel processo di coagulazione del sangue e assicura la funzionalità delle proteine che formano e mantengono in forma le ossa. L’acido folico, importantissimo per le donne in gravidanza, è fondamentale per la sintesi delle proteine e del DNA e per la formazione dell’emoglobina. Non è tutto: le fibre degli spinaci non solo sono ottime alleate per dimagrire ma aiutano l’organismo a difendersi da infarto, ictus e cancro, oltre a svolgere un’azione prebiotica sul microbiota intestinale. Infine, grazie alla luteina contenuta, gli spinaci collaborano a mantenere giovane il cervello. Lo sostiene lo studio pubblicato su “Frontiers in Aging Neuroscience” condotto dagli scienziati dell’Università dell’Illinois. Insomma, tante valide ragioni per portare più spesso a tavola questa verdura. La dieta con spinaci, elaborata dalla dott.ssa Valentina Schirò, biologa nutrizionista specialista in Scienze dell’alimentazione, ne prevede l’assunzione anche 2 o più volte a settimana. Come sottolinea l’esperta, l’importante è che vengano alternati ad altri tipi di verdure di stagione, per far sì che l’alimentazione sia varia e consenta l’approvvigionamento di tutti i nutrienti necessari al corpo.

 

 

Cotti o crudi? L’ideale sarebbe consumarli crudi per non disperdere nell’acqua di cottura i minerali e non danneggiare in particolare la vitamina C e i folati, in quanto termosensibili.
Sebbene la quantità in ferro sia elevata negli spinaci, purtroppo questo non è nella forma assorbibile da parte dell’organismo. La presenza però di una buona quantità in vitamina C, essenziale per l’assorbimento del minerale, fa sì che l’abbinamento ideale sia con cibi a maggior contenuto di ferro, come manzopollo, pesce e cavallo. Si ricorda inoltre che la vitamina C riattiva la E: gli spinaci sono perfetti anche con alimenti che la contengono, come semi oleosi, frutta seccaolio evo e gamberettiControindicazioni degli spinaci? La presenza di ossalati di calcio rende questa verdura poco adatta a chi soffre di calcoli renali e di osteoporosi, o a chi presenta fratture ossee, in quanto l’acido riduce in maniera considerevole l’assorbimento di calcio. Per l’alto contenuto in fibre, invece, gli spinaci sono sconsigliati in caso di sindrome di colon irritabile e diarrea. Noi come sempre vi invitiamo a chiedere consiglio al medico curante.

 

 

A cura di Luana Trumino, editor specializzata in salute e benessere

https://dilei.it/esperti/luana-trumino

0
Alcuni video presenti in questa sezione sono stati presi da internet, quindi valutati di pubblico dominio. Se i soggetti presenti in questi video o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, basterà fare richiesta di rimozione inviando una mail a: team_verticali@italiaonline.it. Provvederemo alla cancellazione del video nel minor tempo possibile.
Chiudi
Caricamento contenuti...