VIDEO
Cerca video
Installa app Contatti
SALUTE 02 APRILE 2021

La dieta di aprile per combattere la stanchezza di primavera

La scienza spesso conferma ciò che la saggezza popolare ha tramandato nella storia: ai nostri avi non era sfuggita la ricorrenza ciclica della tipica spossatezza di inizio primavera, sintetizzata nel detto “aprile, dolce dormire”.

 

L’organismo umano è una “macchina” perfetta ma anche delicata, soprattutto nell’adeguarsi ai cambiamenti della natura: l’allungarsi delle giornate altera i ritmi circadiani e, di conseguenza, l’equilibrio tra sonno e veglia.

 

Per superare più velocemente il conseguente periodo di stanchezza e sonnolenza, possiamo aiutare il nostro corpo con un’alimentazione mirata: il dott. Corrado Pierantoni, nutrizionista specialista in endocrinologia e malattie del ricambio, pone l’accento sul fatto che dormire poco e male favorisca l’aumento di peso a causa della sovrapproduzione di grelina, un ormone che aumenta il desiderio di consumare carboidrati e zuccheri.

 

Per contrastare l’insonnia e le sue conseguenze, è utile introdurre nella dieta la giusta quantità di magnesio, minerale indispensabile per la sintesi dei grassi e delle proteine, oltre che per il metabolismo del glucosio: una carenza di questo ione porta malumore, stanchezza, calo di concentrazione e sonnolenza. Per farne il pieno, si possono assumere radicchio, riso integrale, latte vaccino, cacao in polvere e semi oleosi, soprattutto pistacchi.

 

Anche l’anemia mette a dura prova le nostre energie, quindi bisogna consumare alimenti ricchi di ferro come carni bianche e rosse ed altre fonti di origine animale di proteine nobili, legumi come le lenticchie, frutta come le fragole e verdure a foglia verde. Il minerale contenuto nei vegetali, però, per essere assorbito dall’organismo umano dev’essere abbinato alla vitamina C, che ne aumenta la biodisponibilità.

 

Mai far mancare in tavola i cibi che contengono le vitamine del gruppo B, soprattutto B1, B6, B12 e acido folico, che abbondano in frutta secca, leguminose, germe di grano, cereali integrali, patate, carne, pesce e molluschi, latticini, fegato e frutta come avocado e banane. Da non trascurare anche gli acidi grassi omega 3 che aiutano il benessere cerebrale e che si trovano in salmone, trota e pesci azzurri, noci, semi di lino e chia e, anche se in minor quota, nelle alghe.

 

A cura di Luana Trumino, esperta di benessere.

4.320 visualizzazioni 0
Alcuni video presenti in questa sezione sono stati presi da internet, quindi valutati di pubblico dominio. Se i soggetti presenti in questi video o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, basterà fare richiesta di rimozione inviando una mail a: team_verticali@italiaonline.it. Provvederemo alla cancellazione del video nel minor tempo possibile.
Chiudi
Caricamento contenuti...