VIDEO
Cerca video
Seguici su Installa app Contatti
NEWS 23 DICEMBRE 2016

La Salerno-Reggio Calabria sara' A2. Gentiloni: scusate il ritardo

Roma, (askanews) - Dopo oltre cinquant'anni, con l'apertura al traffico della galleria Lari'a, che era rimasta l'ultimo cantiere, si sono conclusi i lavori dell'autostrada Salerno-Reggio Calabria, percorribile ora tutta a tre e due corsie per senso di marcia con standard autostradali.

Il ministro delle Infrastrutture Graziano Delrio e il presidente di Anas Gianni Vittorio Armani hanno percorso tutto il tracciato dell'A3 in pullman con i giornalisti fino a Villa San Giovanni, presso il Castello di Altafiumara, dove e' stato presentato il completamento alla presenza del presidente del Consiglio Paolo Gentiloni.

'Sappiamo che pazienza ce ne e' voluta.

Prendo in prestito il titolo di un film di un grandissimo regista napoletano, Massimo Troisi, 'Scusate il ritardo', credo che dobbiamo dirlo sinceramente: scusate il ritardo'.

L'A3 Salerno-Reggio Calabria cambiera' nome in A2-Autostrada del Mediterraneo ha annunciato il presidente dell'Anas, Gianni Vittorio Armani.

'E' l'unica autostrada che non ha un mome che richiama la funzione che ha: e' una porta per il centro del Mediterraneo quindi questo sara' il nome: non piu' la A3, che e' la Napoli-Salerno, ma la A2, che e' la continuazione logica del trasporto da Nord verso Sud che unisce il Paese'.

Anche il ministro dei Trasporti, Graziano Delrio, e' intervenuto sul nuovo nome: 'Nella cultura ebraica il nome rappresenta il destino, quindi cambiare nome vuole dire anche cambiare destino; ecco perche' la scelta del nome nuovo e del numero nuovo: perche' davvero crediamo di aver girato pagina'.

'Oggi questa autostrada diventa una storia positiva e cambia il suo destino'.

Una lunga storia quella della Salerno-Reggio Calabria.

Era il 21 gennaio del '62 quando partirono i lavori.

Nel 1967, i primi 125 km da Salerno a Lagonegro, mentre altri 318 erano ancora in costruzione.

Oggi, secondo l'Anas la Salerno-Reggio Calabria investendo nella tecnologia punta anche a garantire alti standard di sicurezza.

Si sta sperimentando la guida autonoma, una nuova frontiera.

'L'obiettivo e' trasformare l'A3 da mito negativo e insuccesso clamoroso della politica italiana nel Sud e nelle infrastrutture a frontoera moderna e tecnologica per l'accesso al Sud e a queste zone bellissime'.

0
Alcuni video presenti in questa sezione sono stati presi da internet, quindi valutati di pubblico dominio. Se i soggetti presenti in questi video o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, basterà fare richiesta di rimozione inviando una mail a: team_verticali@italiaonline.it. Provvederemo alla cancellazione del video nel minor tempo possibile.
Chiudi
Caricamento contenuti...