VIDEO
Cerca video
Seguici su Installa app Contatti
NEWS 09 GENNAIO 2017

L'acqua scarseggia e a Damasco torna di moda l'hammam

Damasco (askanews) - Da settimane l'acqua scarseggia a Damasco.

A causa dei combattimenti nell'area di Wadi Barada che e' in mano ai ribelli, a 15 chilometri dalla capitale siriana, e' bloccato il principale snodo di approvvigionamento dell'acqua.

Il taglio o la riduzione dell'acqua riguarda il 70 per cento della popolazione di Damasco.

Per questo sono tornati di moda gli hammam dotati di pozzi privati.

Quello di Al-Malik al-Zahir, fondato nel 985 dopo Cristo, sta vivendo una nuova primavera.

Qui la gente si lava, fuma il nargile' e chiacchiera con gli altri avventori, mentre viene servita frutta fresca.

'L'ultima volta che sono venuto qui e' stato 12 anni fa per il mio matrimonio - ricorda Habib Issa - Se avessi l'acqua non verrei qui'.

'Per lavarmi uso delle bottiglie - spiega Anwar - riempio in continuazione bottiglie al parco o ovunque trovo acqua.

A casa arriva una volta alla settimana, non e' molto.

Dieci anni fa venivo qui per rilassarmi, oggi invece sono all'hammam per lavarmi'.

Dal 20 dicembre, le truppe del regime e gli alleati dell'organizzazione sciita libanese Hezbollah portano avantiun'offensiva per cacciare i ribelli da Wadi Barada e riconquistare le principali fonti di approvvigionamento idrico della capitale.

Intanto i cittadini di Damasco hanno riscoperto la tradizione dei bagni pubblici.

Una tradizione che unisce tanti paesi del Medio Oriente, dalla Turchia alla Siria.

0
Alcuni video presenti in questa sezione sono stati presi da internet, quindi valutati di pubblico dominio. Se i soggetti presenti in questi video o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, basterà fare richiesta di rimozione inviando una mail a: team_verticali@italiaonline.it. Provvederemo alla cancellazione del video nel minor tempo possibile.
Chiudi
Caricamento contenuti...