VIDEO
Cerca video
Installa app Contatti
NOTIZIE 20 MAGGIO 2020

Lo chef del Ratanà: non si riparte in 48 ore, non vendo solo cibo

Milano, 20 mag. (askanews) - La voglia e la necessità di ripartire sono un sentimento diffuso tra i ristoratori milanesi, dopo due mesi di chiusura totale. Eppure c'è anche chi ha deciso di non ripartire subito il 18 maggio. Cesare Battisti, patron del Ratanà a Milano è uno di loro: il suo ristorante ai piedi del Bosco Verticale, nel quartiere Isola, resterà chiuso ancora per qualche giorno.

"Il Ratanà riaprirà il primo giugno non ha riaperto il 18 maggio perchè le disposizioni sono state date 48 ore prima - ha raccontato ad askanews - E comunque, secondo noi, le disposizioni che sono state date sono insufficienti. Noi vorremmo riaprire in assoluta sicurezza con norme chiare soprattutto per la protezione del nostro personale e dei nostri clienti".

Per questo il suo ristorante all'interno della sede della Fondazione Catella "andrà oltre alle norme di sicurezza imposte

"Abbiamo preso contatti con uno studio medico, il personale sarà sottoposto a sierologico tutte le settimane per una protezione interna e verso i clienti, saremo dotati di mascherine Ffp2 durante il servizio e durante la permanenza in sala e si cercherà di scaglionare sia gli arrivi sia il tempo libero (i turni per fare pranzo e cena). Tutte le mattine rileveremo le temperature corporee proprio per garantire la sicurezza del ristorante".

Queste scelte sono il riflesso dell'idea stessa che Cesare Battisti ha del ristorante:

"Credo che dovrebbero farlo tutti i ristoranti perchè noi non possiamo fare solo da mangiare: il ristorante è un luogo socialmente importante, dove si vende serenità, convivialità, dove si fanno affari, dove scambiare quattro chiacchiere in tranquillità e deve essere un luogo sicuro sia per il nostro personale sia per i clienti", ha detto.

In questi giorni che lo separano dalla riapertura, Battisti sta sanificando gli ambienti, facendo i distanziamenti in cucina, cercando di recuperare i dispositivi sanitari e seguendo corsi anti-covid per la sicurezza sul lavoro. Tutti investimenti che gravano sulle casse di un locale ma che sono necessari per ripartire.

"Quando i ristoranti sono chiusi da due mesi e passa - ragiona - è come fare una nuova apertura, non si può fare in 48 ore. Questo capita perchè solitamente i ristoratori sono considerati artigiani in realtà fare ristorazione vuol dire fare impresa, ci sono ristoratori che hanno 100 dipendenti, noi stessi ne abbiamo 34 non siamo artigiani, c'è bisogno di una progettualità".

A tutto questo si aggiunge anche il fatto nuovo del distanziamento, che impone una ulteriore riduzione delle potenzialità del locale. Nel suo ristorante dove "attualmente in sala ci sono 65 coperti e 40 nel dehors, con le nuove norme i coperti si ridurranno più o meno del 25%.

Ma Battisti, che in qualità segretario generale degli Ambasciatori del gusto, veste anche un ruolo di rappresentanza della categoria, riconosce l'impegno profuso dal governo, anche se restano ancora tanti nodi da sciogliere:

"La cassa integrazione destinata ai ristoranti è 9+5 non 9+9 settimane, poi dal 31 di agosto altre 4 settimane - ci racconta - Così noi ci ritroviamo con l'80% del lavoro in meno e da metà giugno avremo tutti i ragazzi in forza al ristorante. Questo può determinare la chiusura di tantissimi ristoranti".

0
Alcuni video presenti in questa sezione sono stati presi da internet, quindi valutati di pubblico dominio. Se i soggetti presenti in questi video o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, basterà fare richiesta di rimozione inviando una mail a: team_verticali@italiaonline.it. Provvederemo alla cancellazione del video nel minor tempo possibile.
Chiudi
Caricamento contenuti...