Virgilio Video VIDEO Search
HOME arrowDx NEWS

ParrenoLissoni, ovvero come spingere avanti i confini dell'arte

Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!
22 DICEMBRE 2016

Londra (askanews) - Il tempo e' un divertente paradosso: il presente, che e' l'unica dimensione in cui effettivamente stiamo, e' inafferrabile per definizione, mentre passato e futuro restano altrettanto indissolubilmente relegati in dimensioni di riconsiderazione e prospettiva.

Tutto scorre, diceva il filosofo, e forse l'unico modo per fissare alcuni paletti e' affidarsi alle arti, anche qui usando le definizioni, 'contemporanee'.

Luogo perfetto per questa operazione e' la Tate Modern di Londra, dove e' allestita la Hyundai Commission 2016-2017 affidata all'artista francese Philippe Parreno e curata da Andrea Lissoni, uno dei piu' brillanti interpreti del modo in cui l'arte sta cambiando di momento in momento.

'Penso che il lavoro di Philippe Parreno - ci ha detto Lissoni dentro la Turbine Hall - sia incredibilmente rilevante in questo momento nel senso che da una parte abbiamo artisti che tendono a costruire delle opere, degli oggetti e delle icone molto spettacolari, dall'altra abbiamo degli artisti che vogliono farci pensare su che cosa succede, e questa e' una delle grandi funzioni dell'arte.

Philippe ha un'ossessione nell'equilibrare il tutto, non vuole ne' spingere un edificio o un'architettura per farla diventare una 'boite a' musique', ma nemmeno vuole per forza dire qualche cosa.

Lui vuole che il pubblico costruisca delle associazioni che lui ha bene in mente.

In questo credo che stia spostando veramente molto in avanti i confini'.

Confini che sono mobili, come gran parte delle strutture della mostra 'Anywhen', e che, alla fine, sembrano tracciare un vero e proprio ritratto in assenza di Parreno, capace con le sue strutture viventi, di imprimere continue svolte alla stessa idea di arte con la quale facciamo i conti a ogni mostra.

'Non ha nessun interesse a sedurre - ha aggiunto Lissoni - al contrario, le ultime due settimane di installazione della mostra hanno avuto l'ossessione di abbassare i livelli di spettacolarizzazione, che sarebbe stata evidentemente molto facile, come credo che si possa vedere, perche' qui gli elementi dell'architettura si possono giocare in modo veramente spettacolare e lui li ha contenuti parecchio'.

In questa sorta di de-escalation, nella quale pero' la costruzione del meccanismo dell'esposizione e' complessa e maniacale, si sente vibrare il modo di essere artista di Parreno.

E anche il suo modo di 'fare' l'artista, aggiungiamo noi, pensando per esempio a come il celebre dilemma di Amleto 'to be or not to be' originariamente fosse inteso come un 'to do or not to do', cioe' agire o non agire.

Dentro 'Anywhen' si avverte, tra le altre cose, il senso profondo di un'arte che fa e agisce in continuazione.

Provando a dare un nome a questo continuo presente.

Trend

guardali tutti

Buono a sapersi

guardali tutti

Video più condivisi

  • OGGI
  • SETTIMANA
  • MESE
guardali tutti

Alcuni video presenti in questa sezione sono stati presi da internet, quindi valutati di pubblico dominio. Se i soggetti presenti in questi video o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, basterà fare richiesta di rimozione inviando una mail a: team_verticali@italiaonline.it. Provvederemo alla cancellazione del video nel minor tempo possibile.

Caricamento contenuti...