VIDEO
Cerca video
Installa app Contatti
BUONO A SAPERSI 31 OTTOBRE 2022

Patente, cambia tutto: chi non dovrà più fare l’esame di guida

Conseguire la licenza di guida è uno dei primi traguardi della maggiore età. Oggi questo processo si è modernizzato e semplificato a tal punto che sarà possibile conseguire la patente anche senza sostenere l’esame. Ma per quali veicoli?

 

Patente, come cambiano gli esami di guida

L’esame per la patente subisce un cambiamento ogni tanto. Questo perché le norme stradali vengono cambiante e anche perché la tecnologia sulle automobili impone un processo di ammodernamento dei contenuti dei libri dell’autoscuola.

Ma a introdurre un forte cambiamento nella scuola guida, il Decreto Infrastrutture-Bis che ha introdotto il conseguimento della patente senza esame (per alcune categorie di veicolo).

Innanzitutto, c’è da specificare che, se guidi un automobile (e dunque sei il possessore di una patente B) purtroppo questo non ti riguarda. L’esame e la pratica per la patente per le automobili rimane invariato. Questo cambiamento, infatti, andrà a colpire solo coloro che vogliono conseguire la licenza di guida di un veicolo a due ruote.

 

Patente, chi non dovrà fare più gli esami di guida

Il Decreto Infrastrutture-Bis ha introdotto delle novità per quelli che vogliono conseguire la patente A3 (quella per le moto senza limitazioni di cilindrata o potenza).

La legge, infatti, ha decretato che per questa categoria di patente non sarà più necessario sostenere l’esame pratico, ma solo un corso obbligatorio, tenuto dalle autoscuole, della durata minima di 7 ore. Questo piccolo escamotage però non è per tutti, ma solo per coloro che hanno già conseguito la patente A1 (quella per il motorino a 16 anni) o A2 (quella per la moto a 18 anni). Le modalità per conseguire entrambe le licenze (A1 e A2) però rimangono le medesime: esame di teoria e di pratica. La soluzione trovata dall’Esecutivo è nata per sveltire le pratiche burocratiche e per superare la mancanza di personale nelle Motorizzazioni civili.

Il precedente ordinamento, infatti, prevedeva il conseguimento della patente A2 dopo i 18 anni, previa esame pratico. Dopo due anni, poi, era possibile ottenere la patente A3 con la medesima modalità.

Chissà come questa pratica si evolverà nel tempo quando entreranno sul mercato civile le moto volanti: già presentate come concept nelle varie fiere automobilistiche.

Un’altra importante novità che si presenterà nel 2023: la digitalizzazione della patente sull’app IO. Quante volte abbiamo dimenticato il portafoglio, ma non lo smartphone? Questa soluzione salverebbe da una sanzione anche i più smemorati.

9.684 visualizzazioni 36
Chiudi
Caricamento contenuti...