Virgilio Video VIDEO Search

Perché è famoso Edoardo Pesce

Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!
18 MARZO 2020

Classe 1979, Edoardo Pesce nasce il 12 settembre a Roma. Dopo il liceo classico frequenta una scuola di teatro, coltivando il sogno di diventare attore.

 

Nel 2008 debutta su Canale 5 con il film “Piper” ed entra nel cast di “Romanzo Criminale – La serie”, dove rimane fino al 2010. È proprio grazie al “suo” Ruggero Buffoni che si impone al grande pubblico, diventando uno dei volti più amati del piccolo schermo.

 

Nel 2011 prende parte alle fiction “Anna e i cinque – 2” accanto a Sabrina Ferilli  e “Sarò sempre tuo padre” con Beppe Fiorello. L’anno seguente è al fianco di Raoul Bova in “Ultimo 4 – L’occhio del falco” ed è diretto da Pupi Avati nella serie “Un matrimonio” con Christian De Sica e Mariella Valentini.  Ancora fiction per lui: nel 2013 veste i panni di Michele Catena in “Squadra antimafia 5”, nel 2014 è Annibale Vitale ne “I Cesaroni 6” e nel 2018 è Giovanni Brusca ne “Il cacciatore”.

 

Edoardo, attore poliedrico ed eclettico, approda anche al grande schermo.  Nel 2010 appare nel film “20 sigarette” e nel 2012 in “Viva l’Italia”. Recita poi in “Amori elementari”, “Il terzo tempo” e “Se Dio vuole”.

 

Da ricordare anche le interpretazioni di “Assolo” diretto da Laura Morante, “La verità, vi spiego, sull’amore” di Max Croci, “Fortunata” di Sergio Castellitto e “Cuori Puri” di Roberto De Paolis. Il 2018 gli vale il Nastro d’Argento come miglior attore protagonista per il film “Dogman” di Matteo Garrone; e, forte di quel successo, nel 2019 si aggiudica il Ciak d’Oro.

 

Fa discutere il biopic “Permette? Alberto Sordi” con cui a marzo 2020 fa rivivere su Rai1 l’indimenticabile “Sceicco bianco“. Edoardo presta infatti il volto all’indimenticabile mattatore della commedia italiana nel film tv diretto da Luca Manfredi; operazione che fa storcere il naso ai parenti del comico trasteverino. Il conduttore Igor Righetti, cugino di Sordi, si dice infatti deluso, perché “non basta una protesi al naso e scimmiottare la parlata romanesca” per omaggiare l’Alberto Nazionale.

Trend

guardali tutti

Fai da te

guardali tutti

Video più condivisi

  • OGGI
  • SETTIMANA
  • MESE
guardali tutti

Alcuni video presenti in questa sezione sono stati presi da internet, quindi valutati di pubblico dominio. Se i soggetti presenti in questi video o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, basterà fare richiesta di rimozione inviando una mail a: team_verticali@italiaonline.it. Provvederemo alla cancellazione del video nel minor tempo possibile.

Caricamento contenuti...