Virgilio Video VIDEO Search
HOME arrowDx BAMBINI

Perché il pigiama si chiama così?

19 AGOSTO 2019

Perché il pigiama si chiama così? Quasi tutti, quando andiamo a dormire, indossiamo il pigiama per stare più comodi e caldi. Ma perché il pigiama si chiama così? Questa parola deriva dal persiano “Payjama”, composto da “pay”, che vuole dire gamba e “jamè”, che significa vestito: in Persia, infatti, gli uomini usavano indossare dei morbidi e larghi pantaloni per andare a letto, quindi dei “vestiti per le gambe”. Furono gli inglesi a portare in Europa l’indumento e il termine che lo definisce, trasformato in “pyjamas”, tra il XVIII e il XIX secolo, dopo aver conquistato le terre asiatiche: fino a quel periodo, infatti, per dormire si usava solo la classica camicia da notte. In Italia, la parola fu introdotta solo all’inizio del 1900 e resa singolare, invece che plurale come in Gran Bretagna e Stati Uniti: per noi, il pigiama è composto da due pezzi, casacca e pantaloni e di solito lo preferiamo morbido e comodo, senza molte decorazioni, bottoni e cerniere che, anche se lo renderebbero più elegante o grazioso, ci possono lasciare dei segni sulla pelle, disturbandoci il sonno. Di solito, non è considerato molto educato accogliere le persone in casa facendoci trovare in pigiama, a meno che la mamma non ci permetta di organizzare un divertente “pigiama party” con gli amici. Oggi hai imparato perché il pigiama si chiama così!

Trend

guardali tutti

Bambini

guardali tutti

Alcuni video presenti in questa sezione sono stati presi da internet, quindi valutati di pubblico dominio. Se i soggetti presenti in questi video o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, basterà fare richiesta di rimozione inviando una mail a: team_verticali@italiaonline.it. Provvederemo alla cancellazione del video nel minor tempo possibile.

Caricamento contenuti...