Virgilio Video VIDEO Search
HOME arrowDx BAMBINI

Perché negli indirizzi mail si usa la chiocciola?

19 AGOSTO 2019 4.880 visualizzazioni

Avete già provato a usare la posta elettronica? Per riuscire a mandare una “lettera” con internet, l’indirizzo del nostro destinatario deve contenere per forza la chiocciola!

Perché negli indirizzi mail si usa la chiocciola?

Ma perché negli indirizzi mail si usa questo simbolo?

L’idea di utilizzarla per comunicare informazioni fra un computer e l’altro si deve all’ingegnere informatico Ray Tomlinson, che nel 1971 inventò un programma che permetteva agli studenti americani di scambiarsi dei messaggi in una rete che collegava tra loro diverse università: per scrivere a qualcuno tramite questo progetto, dal quale è poi nato internet, bisognava mettere la chiocciola tra il nome del destinatario e quello del fornitore del servizio di comunicazione telematica.
Se per noi italiani la forma di questa “a” speciale ricorda quella di una lumaca con il guscio, in Olanda, ad esempio, viene chiamata “coda di scimmia”, in Germania “scimmia-ragno”, in Norvegia “torta di cannella a spirale” e in Danimarca “proboscide di elefante”!
Gli inglesi e gli americani, invece, la chiamano “at”, che significa anche “presso” un determinato luogo e sui social network come Facebook e Instagram, serve per “taggare” gli amici nei post, in modo da essere sicuri che vedano quello che abbiamo scritto.
Oggi hai imparato perché negli indirizzi mail si usa la chiocciola!

Trend

guardali tutti

Bambini

guardali tutti

Alcuni video presenti in questa sezione sono stati presi da internet, quindi valutati di pubblico dominio. Se i soggetti presenti in questi video o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, basterà fare richiesta di rimozione inviando una mail a: team_verticali@italiaonline.it. Provvederemo alla cancellazione del video nel minor tempo possibile.

Caricamento contenuti...