Virgilio Video VIDEO Search
HOME arrowDx CURIOSITÀ

Perché produciamo così tanta plastica?

Se condividi l'articolo su Facebook guadagni crediti vip su Libero Cashback Risparmia con lo shopping online: a ogni acquisto ti ridiamo parte di quanto spendi. E se accumuli crediti VIP ottieni rimborsi più alti!
04 GIUGNO 2019 1.956 visualizzazioni

Secondo Slow Food, dagli anni Cinquanta ad oggi, 6,3 degli oltre 8 miliardi di tonnellate di plastica prodotta sono diventati spazzatura.

Stando quindi a statistiche e pronostici, con questo ritmo nel 2050 la quantità di plastica potrebbe superare di gran lunga quella dei pesci.

La domanda allora sorge spontanea, e non soltanto negli ecologisti più convinti: perché tanta plastica?

Gli accumuli di plastica nei mari sono sotto gli occhi di tutti, dall’enorme isola di plastica nel Pacifico a quella che regolarmente si forma tra la Corsica e l’Elba. Una preoccupazione che pare non turbare i sonni di chi governa la grande distribuzione organizzata, che continua a proporre alimenti imballati in giri di cellofan il più delle volte superflui.

È il caso di frutta e verdura, che essendo dotate naturalmente di buccia non necessiterebbero di ulteriori protezioni artificiali. Nonostante ciò, però, i banchi dei supermercati continuano a pullulare di banane e zucchine – già di per sé a prova di igiene – imballate a due a due, con l’impiego di quantità massicce di plastica ed altri materiali inquinanti.

I più infervorati sostenitori della guerra alla plastica affermano che un commercio nuovo dalla parte della biodiversità sia assolutamente possibile. E, sull’onda di questo incoraggiante principio pro-pianeta, invitano in primis i supermercati a cambiare il loro paradigma in materia di packaging.

Nel mondo, intanto, si stanno organizzando vere e proprie campagne social #boicotalplastic, nel tentativo di smantellare tutte quelle abitudini e consuetudini sbagliate a minaccia dell’ecosistema.

Trend

guardali tutti

Video più condivisi

  • OGGI
  • SETTIMANA
  • MESE
guardali tutti

Alcuni video presenti in questa sezione sono stati presi da internet, quindi valutati di pubblico dominio. Se i soggetti presenti in questi video o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, basterà fare richiesta di rimozione inviando una mail a: team_verticali@italiaonline.it. Provvederemo alla cancellazione del video nel minor tempo possibile.

Caricamento contenuti...